News in pillole dal Mondo

Giornata mondiale della psoriasi

lunedì 26 Ottobre 2009 di Valeria Gatopoulos

psoriasi

Sono due milioni e mezzo gli italiana malati di psoriasi, una malattia della pelle non contagiosa che però è spesso motivo di vergogna per i malati.

La patologia si manifesta inizialmente con delle chiazze rossastre che si ricoprono di “squame” ed escrescenze biancastre. La malattia presenta fasi alterne: si passa dalla frase cronica a quella di recidiva e viceversa, le psoriasi sono numerose e diverse tra loro.

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

Salute@Venezia

giovedì 22 Ottobre 2009 di Federico Illesi

salute venezia

Il viceministro alla Salute, il presidente della Regione del Veneto e il direttore dell’Ulss 12 questa mattina hanno tagliato il nastro della Fiera che si terrà da oggi a sabato 24 ottobre al Padiglione Rama dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre

“Dati scientifici indicano che il Veneto, così come altre tre regioni italiane, hanno una sanità ottima. Del Veneto mi piace particolarmente il fatto che questa regione ha sempre prestato grande attenzione non solo agli ospedali ma anche al territorio”. Con queste parole il viceministro Ferruccio Fazio ha inaugurato Salute@Venezia, promossa dall’Azienda Ulss 12 Veneziana, con l’organizzazione di Expo Venice spa e Medmatic@, e dedicata all’innovazione in sanità e ad un confronto sui nuovi modelli organizzativi del SSN, nel quadro della continuità territoriale e dell’eccellenza ospedaliera. Il viceministro, che ha partecipato al convegno inaugurale “Il Modello sanitario tra continuità territoriale ed ospedali di eccellenza”, ha elogiato l’eccellenza della sanità veneta, che spicca notevolmente nelle classifiche italiane.

[Continua a leggere »]



Tag: , ,

Torino-Roma, trasportato un paziente affetto da febbre emorragica

martedì 20 Ottobre 2009 di Valeria Gatopoulos

febbre emorragica

E’ successo il 9 ottobre, un uomo senegalese di ritorno dall’Africa è stato trasportato dall’ospedale di Torino allo Spallanzani di Roma. La scena poteva sembrare quella di un film, uomini con delle tute bianche e un aereo militare che trasporta un uomo affetto da non si sa quale patologia che minaccia la salute pubblica, eppure era tutto vero!

L’uomo presentava febbre alta e vomito, una serie di esami hanno portato alla sconvolgente diagnosi: febbre emorragica, sono state adottate immediatamente tutte le misure di prevenzione e sicurezza. Il paziente è stato trasportato a bordo di un C-130J della 46a Brigata Aerea, ad accompagnarlo un’équipe di medici e paramedici.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , ,

In tilt davanti alle bellone

sabato 17 Ottobre 2009 di Alessandro Aquino

sharon-stone

Un team di studiosi olandesi ha “ufficializzato” quello che è evidente a chiunque osservi un uomo conversare con una “bellona”: va in tilt. Troppo impegnato a far colpo, il maschio darebbe fondo alle funzioni cerebrali al punto da non essere più in grado di svolgere altri compiti.

Colpa di madre natura che lo ha programmato per la riproduzione. Lo studio, condotto da un team di scienziati olandesi e pubblicato sulla rivista Journal of Experimental and Social Psychology, dimostrerebbe che dopo una conversazione con un’avvenente fanciulla, l’uomo fatica a ricordare cosa stava facendo prima. Viceversa, le donne non perdono lucidità e si concentrano su aspetti dell’interlocutore che prescindono dalla bellezza.



Tag: , , , ,

Vaccino antinfluenzale pronto a fine ottobre

giovedì 8 Ottobre 2009 di Alessandro Aquino

flu-shot

Il vaccino contro l’influenza A/H1N1 potrebbe essere disponibile anche prima del 15 novembre, data prevista per l’inizio delle prime immunizzazioni con l’influenza pandemica. Lo ha detto il viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio, ieri, intervenendo ad un convegno in tema, alla festa nazionale del Pdl, a Milano: «Le prime dosi per i servizi essenziali ci saranno forse addirittura entro il 31 ottobre».

Novartis, il colosso farmaceutico che ha ricevuto mandato dal governo di produrre i primi ventiquattro milioni di vaccini, ne conferma la sicurezza, sono stati eseguiti test su seimila volontari in tutto il mondo, e la prima fornitura, già avvenuta, di cinquecentomila dosi. Tra domani e dopodomani, ha spiegato Fazio, il ministero della Salute emetterà alcune circolari per regolamentare e coordinare le azioni in fase di influenza pandemica. I medici di base, in particolare, “dovranno fare triage (diagnosi, ndr) diagnosi telefoniche, senza vedere la persona”, mentre alle Regioni verrà chiesto di compiere e trasmettere al Ministero un censimento delle unità intensive di secondo livello. Una terza circolare dovrebbe poi fornire indicazioni sulle modalità di gestione dei casi più gravi.

Sullo stato attuale dell’influenza A si è espresso Walter Ricciardi, direttore dell’istituto di Igiene dell’università Cattolica del sacro Cuore di Roma: «La pericolosità potenziale, in termini di mortalità, del virus stagionale è superiore rispetto al virus H1N1, anche perché colpisce gli anziani e le persone più a rischio, a differenza della nuova influenza che colpisce anche i giovani. Per l’influenza stagionale, il vaccino sarà disponibile dal primo ottobre».



Tag: , , , ,

Bimba di un anno “incinta”

lunedì 28 Settembre 2009 di Valeria Gatopoulos

donna incintarioso caso di una bimba cinese “incinta” alla tenera età di un anno.

È noto quanto sia delicata l’embriogenesi e quanto il futuro di un feto sano dipenda da questa fase, qualunque tipo di interferenza o una duplicazione sbagliata possono portare a delle malformazioni più o meno gravi. Nel momento in cui la morula diviene una blastula dovrebbe ulteriormente dividersi generando due gastrule diverse che poi si svilupperanno in maniera autonoma.

Nel caso della malformazione “fetus in fetu” a causa di una moltiplicazione irregolare una delle due blastule ingloba l’altra.Tale condizione porta di solito alla morte di entrambi i feti, in rarissimmi casi però il gemello inglobato, volgarmente detto “parassita” continua a crescere nel corpo del fratello.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , ,

Nuovi studi sulla celiachia

lunedì 21 Settembre 2009 di Valeria Gatopoulos

celiachiaLa celiachia è un’intolleranza permanente al glutine che si manifesta solitamente durante lo svezzamento dal momento in cui si introduce il glutine nella dieta o al massimo entro i tre anni.

La mucosa intestinale nei pazienti celiaci non riconosce come alimento digeribile il glutine, si scatena quindi una risposta immunitaria che da origine a numerose infiammazioni che con il tempo danneggiano la parete stessa riducendo il numero dei villi in essa presenti.

L’entità del danno arrecato ai villi può essere più o meno attenuata con una dieta priva di glutine, al momento questa sembrerebbe essere l’unica terapia ad effetto per evitare lo scatenarsi di nuovi processi infiammatori.

[Continua a leggere »]



Tag: , ,

reSTART, la prima clinica contro la web-dipendenza

venerdì 11 Settembre 2009 di Alessandro Aquino

PS

C’è chi non riesce a staccarsi da Facebook, chi dal proprio Blackberry, chi dai videogame. Tutti i pazienti della reSTART, però, hanno un problema in comune: la dipendenza da internet. E ora, ospitati nel primo centro Usa di disintossicazione da web, si dedicheranno per 45 giorni a sedute di psicoterapia, lavori nell’orto, esercizi all’aria aperta e gite vicino a Seattle. Senza collegamenti con quella che era ormai una droga.

L’idea di fondare reSTART è venuta alla psicoterapeuta Hilarie Cash. Nel ‘94 aveva iniziato a trattare un uomo che, per i videogames, aveva abbandonato due lavori e una moglie. Da allora ha curato sempre più “internet-dipendenti”. E da poco ha aperto questo centro. Il costo per 45 giorni in “pensione completa” è di 10mila euro. La prima diagnosi? Su internet. Per “facilitare” i pazienti.

Tra i primi ospiti di reSTART c’è Ben Alexander, 19 anni. Un anno fa aveva iniziato a giocare a World of Warcraft: “Un paio d’ore al giorno. Che poi sono diventate 17”. In clinica ha lasciato pc e web. “E non penso – dice – che tornerò presto a giocare”.

[il blog di reSTART]



Tag: , , , , , , , ,

La mimica facciale non è una lingua universale

venerdì 21 Agosto 2009 di Ilaria De Vito

emoticonComunicare con le parole o con le espressioni facciali, può presentare a volte le stesse difficoltà. Mentre è ben risaputo che per il linguaggio parlato non esiste una lingua universale, per la mimica facciale è una novità scoprire che i movimenti del volto non sono gli stessi in tutto il mondo.

Lo dimostra uno studio condotto da un team di psicologi composto da ricercatori dell’Università di Glasgow e dell’ateneo canadese di Montreal, le espressioni del volto vengono interpretate diversamente da persone nate e cresciute in posti diversi del pianeta. I ricercatori hanno messo a confronto 13 europei con altrettanti asiatici.  I 26 volontari hanno osservato immagini di espressioni di diversi sentimenti.  Gli asiatici hanno avuto delle difficoltà nel comprendere le espressioni indice di stati d’animo negativi, confondevano molto spesso l’espressione spaventata con quella sorpresa e uno sguardo disgustato con un volto impaurito.

Grazie ad un macchinario capace di leggere la direzione dello sguardo nello spazio, gli studiosi hanno compreso le difficoltà degli asiatici. Mentre gli occidentali osservano tutto il viso della persona con cui si stanno relazionando, gli orientali concentrano la vista nella zona degli occhi perdendo così informazioni importanti e causando un pò di confusione.

Secondo Rachael Jack, del dipartimento di Psicologia dell’Università di Glasgow e coordinatrice della ricerca, “le differenze nell’interpretazione delle facce sono quasi sicuramente culturali e non genetiche”, ma qualunque sia la causa mettono in discussione l’universalità delle espressioni facciali prodotte dalle emozioni, generando una vera e propria barriera per la comunicazione inter- culturale e per la globalizzazione.



Tag: , , ,

BioMIMs: progetto Rizzoli-IBM per le malattie scheletriche rare

giovedì 23 Luglio 2009 di Alessandro Aquino

mano

Nell’ambito di un Protocollo di Intesa tra la Regione Emilia-Romagna e il Ministero per l’Innovazione e lo Sviluppo di Israele è partito il progetto sviluppato tra l’Istituto Ortopedico Rizzoli e la IBM Israele per migliorare l’assistenza dei pazienti affetti da malattie rare scheletriche. L’obiettivo del progetto denominato BioMIMs, è di creare una piattaforma informatica su cui condividere i dati clinici relativi ai pazienti così da offrire, previa analisi e razionalizzazione delle informazioni, un’ampia casistica utile al personale medico per diagnosticare e somministrare cure.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , ,