Terapia genica contro il dolore cronico

Scienziati dell’Università  del Michigan si apprestano a dare inizio alla fase 1 della sperimentazione clinica, utilizzando la terapia genica, di una tecnica rivoluzionaria per trattare il dolore cronico prodotto dal cancro. Il trattamento prevede l’impiego di un nuovo vettore virale che, inoculato nel paziente, rilascia un gene che agisce sul sistema nervoso. Il vettore è stato creato a partire dal virus herpes simplex (HSV) ed il gene liberato promuoverà  un overespressione di encefalina, un neurotrasportatore simile all’endorfina che ha una discreta azione analgesica. I dottori David Fink e Robert Brear, della medical school dell’Università  del Michigan, hanno affermato che negli studi preclinici il nuovo vettore e la procedura di trasferimento del gene hanno dato buoni risultati riducendo significativamente il dolore cronico. Il team, terminata la fase di reclutamento, sottoporrà  i volontari ad una serie di 10 iniezioni e ne registrerà  gli effetti. In caso di esito positivo, e qualora il procedimento superi anche le fasi successive della sperimentazione, si potrà  finalmente disporre di un importante trattamento palliativo. [immagine]

Articoli correlati

Spiacente, non è possibile commentare.