Protesi totale caviglia in non-metallo

Uno studio conclusosi con successo e pubblicato su Journal of Foot & Ankle Surgery che descrive una nuova tecnica per la riparazione della caviglia. la tecnica messa a punto da Daniel K. Lee, direttore del reparto di chirurgia del piede e della caviglia presso l’UCSD Medical Center, consiste nell’applicare un materiale molto simile al collagene invece delle attuali protesi al titanio o in acciaio. L’idea è venuta al professore in base a una semplice considerazione: se le protesi al ginocchio e all’anca realizzate in metallo funzionano molto bene, quelle alla caviglia al contrario sono soggette a fratture e a complicazioni in generale. La procedura richiede un intervento mini-invasivo di circa due ore e prevede la rimozione della cartilagine danneggiata con un’incisione di circa 4cm. Successivamente un materiale simile al collagene naturale viene plasmato e adattato attorno al giunto del paziente. Il principale vantaggio di questa nuova procedura è la possibilità  di creare una protesi su misura. Il materiale biologico impiegato proviene da altre persone oppure di origine animale e viene processato in modo da risultare sterile, non allergenico e privo di rischi di rigetto. Secondo quanto riportato dal dottor Lee, il materiale inserito nell’arco di tre settimane viene completamente incorporato nel tessuto del paziente per ridare una caviglia sana e agile come prima o quasi. [maggiori informazioni]

Articoli correlati

Una risposta a “Protesi totale caviglia in non-metallo”

  1. asia scrive:

    allora questa protesi del dott lee è ancora valida? chi se ne occupa in italia