Operazioni chirurgiche

Proiettili sonori per colpire il cancro

martedì 13 aprile 2010 di Silvia Soligon

bisturi sonoro

Arriva dalla California, ma da nomi che rievocano l’Italia, la nuova speranza per il trattamento del cancro. Alessandro Spadoni e Chiara Daraio, ricercatori del California Institute of Technology di Pasadena, hanno messo a punto un sistema di lenti acustiche non lineari in grado di produrre impulsi sonori compatti che potrebbe essere utilizzato per produrre un bisturi sonico. Secondo lo studio, pubblicato dalla rivista Pnas-Proceedings of the National Academy of Sciences, questo strumento è in grado di concentrare il suono in impulsi ad alta energia, generando dei proiettili sonori utili per la cura dei tumori.

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

Il chirugo che trapana le arterie

martedì 6 aprile 2010 di Silvia Soligon

chirurgia cuore

Riaprire le arterie otturate con un trapano da dentista: è quanto ha fatto Fred Leya, cardiochirurgo del Loyola University Health System (Illinois, Stati Uniti), per salvare un paziente con un’occlusione totale dei vasi sanguigni non operabile in altro modo. L’intervento si è svolto lo scorso 27 dicembre e ora il paziente ha recuperato le funzionalità cardiache.

L’uomo sottoposto a questo particolare tipo di chirurgia è John Wilks: 59 anni, a 45 i primi problemi cardiaci, dal 1995 a quest’ultimo intervento aveva già subito due bypass e tre angioplastiche. Per curare i dolori al petto da cui era ancora afflitto assumeva dieci pastiglie di nitroglicerina al giorno. Poi, le arterie operate si sono nuovamente ostruite; un terzo intervento di bypass non era possibile e Wilks aveva perso ogni speranza di guarigione. Almeno finché non ha incontrato Fred Leya, direttore dell’Interventional Cardiology and the Cardiac Catheterization Lab, che lo ha operato con uno strumento simile ad un trapano da dentista.

La tecnica del trapanamento è stata messa a punto negli anni novanta, ma richiede una grande esperienza e, in genere, non è disponibile negli ospedali. Leya, invece, è un esperto nel campo: utilizzando uno strumento dotato di una punta di diamante ha letteralmente trapanato le arterie di Wilks, che erano completamente ostruite da depositi di calcio duri come ossa. I residui di questi depositi sono stati, poi, eliminati naturalmente dall’organismo. Il paziente, da parte sua, non ha più dovuto prendere nessuna pillola dal giorno dell’intervento.



Tag: , , , ,

Ossa di schiuma più resistenti del titanio

lunedì 22 febbraio 2010 di Silvia Soligon

uomo bionicoSchiuma di metallo per riparare le ossa: è questa la proposta dei ricercatori della North Carolina State University. Il nuovo materiale potrebbe dare il via alla produzione di una nuova generazione di impianti biomedici con cui evitare il rigetto spesso associato all’utilizzo di materiali più rigidi.

La schiuma proposta dagli autori della ricerca, che sarà pubblicata sul numero di marzo della rivista Materials Science and Engineering A, può essere composta totalmente di acciaio o di una combinazione di acciaio e alluminio. Le sue caratteristiche principali sono una leggerezza addirittura superiore a quella dell’alluminio in forma solida, un modulo di elasticità molto simile a quello delle ossa e una superificie ruvida in grado di promuovere la crescita del tessuto osseo all’interno dell’impianto. Nel loro insieme queste proprietà aumenterebbero la stabilità dell’impianto.

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

Italiani grassi: 7 su 10 sovrappeso

sabato 17 ottobre 2009 di Alessandro Aquino

obesity233

L’Italia è sempre più grassa. L’esercito di obesi e in sovrappeso conta 67 uomini e 55 donne ogni 100. I dati sono stati resi noti ieri dall’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica durante la presentazione dell’Obesity Day

Il boom di diete, palestre e campagne di sensibiliazione degli ultimi anni non è servito a invertire una tendenza che preccupa sempre di più. Il 67% degli uomini e il 55% delle donne lotta, ormai, contro obesità e sovrappeso. A lanciare l’allarme sugli italiani sempre più grassi è l’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica che, presentando Obesity Day che si terrà in tutta Italia il 10 ottobre, ha richiesto a gran voce «regole nuove».

[Continua a leggere »]



Tag: , , , , , ,

300 Kg in clinica con la gru

lunedì 12 ottobre 2009 di Alessandro Aquino

Per entrare al Cardarelli di Napoli, Carmela ha avuto bisogno di una gru. Un anno chiusa in casa per colpa del suo peso, 300 Kg, con i gesti più semplici divenuti impossibili. Ora, dopo un intervento per riduzione dello stomaco, si pone l’obiettivo sul tornare ad una vita normale.

Un po’ alla volta Carmela recupera la sua vita. L’intervento cui è stata sottoposta al Cardarelli le consentirà di perdere almeno 100 chilogrammi nel giro di 12 mesi.  Si era lasciata influenzare dalla televisione assumendo quelle pillole che servono per dimagrire. Alla fine, però, i chili persi li ha ripresi con gli interessi.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , , , ,

Coxo-protesi più durature

martedì 29 settembre 2009 di Alessandro Aquino

protesi

Una nuova tecnica laser permetterà di creare protesi per l’anca, e stent anti-infarto, non solo piu’ forti, personalizzate e durature, ma anche piu’ economiche e facili da produrre. La sperimentazione arriva dal Center for Laser-Based Manufacturing della Purdue University in Indiana.

La tecnica consente di ricoprire le comuni protesi di titanio con una miscela di polveri di metallo e di ceramica fuse con il laser e solidificate a strati richiamando la struttura ossea. In questo modo i bioingegneri possono realizzare protesi personalizzate per ogni paziente e cambiare forma e dimensione a poco a poco evitando che la dilatazione termica provochi delle crepe.

Con il laser è inoltre possibile creare anche stent arteriosi, strutture metalliche che inserite nelle arterie ne evitano l’occlusione. Con questa metodica sarà dunque possibile realizzare una protesi in 3 giorni rispetto ai trenta necessari oggi.



Tag: , , , ,

Epilessia del lobo temporale: nuova cura

giovedì 24 settembre 2009 di Alessandro Aquino

T epilepsy

Una recente ricerca italiana accende nuove speranze per i casi di epilessia resistente ai farmaci. Lo studio, pubblicato su ‘Pnas’, organo ufficiale dell’Accademia nazionale delle scienze Usa, e’ firmato dai ricercatori del Dipartimento di fisiologia e farmacologia dell’universita’ Sapienza di Roma, coordinati da Fabrizio Eusebi, in collaborazione con il Centro di neurochirurgia ‘Neuromed’ del Molise e l’universita’ di Camerino.

Gli autori si sono concentrati su una particolare forma di epilessia, quella del lobo temporale, resistente a ogni terapia farmacologica. Per la prima volta sostanze di nuova sintesi, derivate dal neuromodulatore adenosina, sono state testate su tessuti cerebrali umani interessati dalla malattia, prelevati durante gli interventi chirurgici.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , , , , ,

Trapianto di ovaio

martedì 18 agosto 2009 di Alessandro Aquino

ovaio

Fra pochi anni sarà possibile procedere al trapianto di un intero ovaio prelevato e preventivamente congelato prima di una terapia. Il passaggio successivo sarà verificarne la funzionalità dell’ovaio reimpiantato. Per ora i test eseguiti su ovini, hanno funzionato. Per ora solo una donna ha beneficiato dell’impianto di ovaio fresco ed ha ottenuto buoni risultati.

Negli USA, alla Yale University hanno già proceduto a prelevare, congelare e scongelare delle ovaie umane con risultati buoni. Ora manca però il passaggio successivo, il reimpianto. Una strada che potrebbe essere promettente per tutte le donne che stanno per intraprendere cure, come la chemioterapia, che rischiano di andare incontro a sterilità.

Il 15% delle pazienti americane, spesso in giovane e fertile età, si sottopongono a terapie una volta giunte a diagnosi neoplastiche e spesso si sottopongono rinunciando alla maternità o diminuendo drasticamente la finestra riproduttiva. Oggi le strade percorribili sono il congelamento degli ovociti, quello degli embrioni (vietato in Italia) o di porzioni di tessuto ovarico.



Tag: , , , , , , , , ,

L’analisi delle urine per diagnosticare l’appendicite

venerdì 3 luglio 2009 di Ilaria De Vito

appendiciteDagli USA arriva un pratico test delle urine per diagnosticare l’appendicite, cioè quell’infiammazione dell’appendice, molto comune soprattutto tra bambini ed adolescenti, che causa mal di pancia e fitte insopportabili. Un tempo la diagnosi era effettuata con l’ecografia. Così capitava che appena identificata la patologia il paziente finiva ”sotto i ferri”, anche se non sempre l’operazione era del tutto necessaria. Per non parlare poi del 45% dei pazienti ai quali l’appendicite veniva diagnosticata in ritardo, con il rischio di evolversi in un’infiammazione ben più grave, chiamata peritonite.

La scoperta del nuovo kit, messo  a punto dal Proteomics Center del Children’s Hospital di Boston, è stata pubblicata sugli Annals of Emergency Medicine.  Il pratico test delle urine si basa sulla ricerca di alcuni particolari biomarcatori, una serie di proteine che sono indice dell’eventuale presenza dell’infiammazione acuta all’appendice. In particolare, i ricercatori statunitensi hanno individuato, come indicatore estremamente affidabile, la glicoproteina alfa- 2 ricca in leucina (LRG).

[Continua a leggere »]



Tag: , , , ,

Da Vinci 3D HD

lunedì 20 aprile 2009 di Federico Illesi

robot da vinci

Un nuovo modello del robot chirurgico Da Vinci sta facendo parlare di sé grazie a un nuovo sistema di visualizzazione del campo operatorio 3D e soprattutto in alta definizione.
Questa apparecchiatura è ampiamente utilizzata in operazioni chirurgiche minimamente invasive in diverse parti del corpo.

Come scritto nel comunicato della Intuitive Surgical, il Da Vinci ingrandisce le immagine con uno zoom ottico di 10x e permette al chirurgo di “immergersi” nel corpo del paziente: i due canali ottici creano una visione stereoscopica tridimensionale con ampi ma sempre precisi movimenti degli attuatori.

[maggiori informazioni]



Tag: , , ,