Foto e illustrazioni

Effetto placebo nell’arte

martedì 6 aprile 2010 di Federico Illesi

natura

Foto naturalistiche e riproduzioni di opere d’arte entrano nei luoghi ospedalieri e portano una ventata di speranza che aumenta la fiducia e infonde un generale benessere rispetto ad ambienti spogli. A dimostrarlo un’indagine italiana multicentrica, condotta in reparti oncologici italiani, presentata oggi in anteprima a Firenze, sede del primo esperimento “artistico”. Preferiti i paesaggi di paradisi naturali rispetto all’arte concettuale e astratta.

Non contiene alcun principio attivo ma ha un effetto benefico sulle persone malate e, un progetto internazionale da poco anche in Italia, sta per la prima volta tentando di misurarlo: è l’arte, sotto forma di fotografie paesaggistiche o opere pittoriche dei grandi maestri. Secondo i dati raccolti da un indagine condotta in tre centri ospedalieri italiani, i pazienti dei reparti di oncologia, vedendo arricchito l’ambiente in cui sono ricoverati, dimostrano un accresciuto senso di fiducia verso la propria condizione e la vita in generale.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , ,

Premiato il mondo a colori delle persone con diabete

giovedì 12 novembre 2009 di Federico Illesi

persone diabete disegno
[Disegno di Matteo Cammarata, primo premio per la categoria Espressività]

Alla vigilia della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra il 14 novembre, premiati i vincitori de “Il Diabete a Colori”, il concorso di creatività per esprimere in immagini e in parole la propria vita insieme alla patologia che colpisce oltre 3 milioni di italiani. Il concorso è promosso da Lilly Italia in partnership con il Centro di Diabetologia Pediatrica dell’Ospedale Meyer, la Fondazione Meyer e le principali Associazioni italiane di persone con diabete.

Firenze, 12 novembre 2009 – Hanno vinto tutti. I bambini con diabete e gli adulti, i loro amici e parenti, i genitori, madri e padri orgogliosi e gli organizzatori. Hanno vinto, almeno per un giorno, la lotta al diabete, trasformando la sfida quotidiana in ispirazione creativa e in un momento di condivisione e festa. Si conclude ufficialmente con la premiazione, oggi, il concorso di creatività espressiva dal titolo “Il Diabete a Colori’ organizzato da Lilly Italia in partnership con il Centro di Diabetogia Pediatrica dell’Ospedale Meyer, la Fondazione Meyer e le principali Associazioni italiane di persone con diabete.

[Continua a leggere »]

In tilt davanti alle bellone

sabato 17 ottobre 2009 di Alessandro Aquino

sharon-stone

Un team di studiosi olandesi ha “ufficializzato” quello che è evidente a chiunque osservi un uomo conversare con una “bellona”: va in tilt. Troppo impegnato a far colpo, il maschio darebbe fondo alle funzioni cerebrali al punto da non essere più in grado di svolgere altri compiti.

Colpa di madre natura che lo ha programmato per la riproduzione. Lo studio, condotto da un team di scienziati olandesi e pubblicato sulla rivista Journal of Experimental and Social Psychology, dimostrerebbe che dopo una conversazione con un’avvenente fanciulla, l’uomo fatica a ricordare cosa stava facendo prima. Viceversa, le donne non perdono lucidità e si concentrano su aspetti dell’interlocutore che prescindono dalla bellezza.



Tag: , , , ,

300 Kg in clinica con la gru

lunedì 12 ottobre 2009 di Alessandro Aquino

Per entrare al Cardarelli di Napoli, Carmela ha avuto bisogno di una gru. Un anno chiusa in casa per colpa del suo peso, 300 Kg, con i gesti più semplici divenuti impossibili. Ora, dopo un intervento per riduzione dello stomaco, si pone l’obiettivo sul tornare ad una vita normale.

Un po’ alla volta Carmela recupera la sua vita. L’intervento cui è stata sottoposta al Cardarelli le consentirà di perdere almeno 100 chilogrammi nel giro di 12 mesi.  Si era lasciata influenzare dalla televisione assumendo quelle pillole che servono per dimagrire. Alla fine, però, i chili persi li ha ripresi con gli interessi.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , , , ,

Indonesia: neonato da Guinnes dei primati

venerdì 9 ottobre 2009 di Alessandro Aquino

Il neonato piu’ grande del mondo pesa più di 8 chili.  Il piccolo è nato proprio in questi giorni in Indonesia ed è già una star. Suo il record per il neonato più grande. Il bambino non ha ancora un nome. A darlo alla luce la madre Ani, di 41 anni, in un ospedale di Kisaran, a nord dell’Isola di Sumatra, in Indonesia . I medici, ovviamente, hanno proceduto con un parto cesareo ed ora entrambi stanno bene, anche se appena nato, per lo sforzo, il piccolo è stato sottoposto ad assistenza respiratoria, per 5 minuti: ma immaginate la fatica della povera mamma nel portarsi in giro il suo bebé dei record per 9 mesi.

Quando è nato pesava esattamente 8,7 chilogrammi, per una lunghezza di 62 centimetri. La differenza con gli altri bambini presenti nel reparto maternità si è notata subito e non solo per le sue dimensioni: il suo pianto è decisamente più forte rispetto agli altri neonati. E per di più ha sempre fame.

Il bimbo è così grande poichè la mamma soffre di diabete ed è normale per le donne con questa patologia avere bambini dal peso superiore alla norma poichè il glucosio in eccesso presente nel circolo ematico della madre, va ad alimentare in maniera esponenziale le cellule del feto. I precedenti figli non sono mai scesi sotto ai 4 chili.  Ma l’ultimo genito è più del doppio!



Tag: , , ,

Cina: ragazza con un coltello nel retto

martedì 6 ottobre 2009 di Alessandro Aquino

coltello1

Per quattro mesi ha vissuto con atroci dolori, dopo aver subito un’aggressione da parte di due uomini. Dopo tutto questo tempo, tormentata dalle sofferenze per il mal di stomaco, Ying Shi, 26 anni, di Shanghai (Cina) si è rivolta ai medici che le hanno consigliato una visita ai raggi X: qui l’orribile scoperta, un coltello di 15 centimetri interamente incastrato nel retto.

“Di quella notte ricordo solo un dolore immenso al mio sedere, ma pensavo che mi avessero solo ferita, ha detto la ragazza, non avrei mai immaginato che il coltello fosse rimasto dentro”. I medici, attoniti, hanno subito provveduto a rimuovere la lama, mettendo fine ai dolori di Ying, che ha concluso: “E’ incredibile che la prima volta in ospedale nessuno se ne sia accorto. Per fortuna è finita bene”.



Tag: , ,

L’uomo di pietra

mercoledì 30 settembre 2009 di Alessandro Aquino

Non è accaduto in un set di un film sui supereroi, e lui non è il quarto de I Fantastici 4. Il suo corpo era diventato una specie di scoglio, tanto che era stato soprannominato “l’uomo corallo”. Ora Lin Tianzhuan, 38enne di Shuimen, nel sud della Cina, è stato curato e può raccontare, sollevato, la sua storia. Lin non poteva muovere braccia e gambe, ed era terrorizzato.

“Avevo paura, credevo che sarei diventato di pietra – ha detto ai giornalisti – la gente urlava ogni volta che mi vedeva. E’ orribile”. L’uomo si è dunque isolato, come un eremita, a casa della sua famiglia dopo essere stato scaricato da amici e vicini di casa. La sua ‘trasformazione’, racconta, è iniziata quando aveva 13 anni: “In pochi mesi avevo braccia e gambe, la schiena e un pezzo della mia testa completamente coperte. Era come se mi stessi tramutando in una pietra, ero terrorizzato – ha detto Lin – gradualmente riuscivo a muovermi sempre meno, fino a quando non ero più in grado di camminare. E’ stato spaventoso”.

Ora, però, dopo un anno di cure in una speciale clinica dermatologica, Tianzhuan è tornato a vivere normalmente, anche se esteticamente la situazione è la stessa. “Avrà bisogno ancora di cure con la radioterapia – ha detto il vicepresidente della clinica, Liu Yinghong – sta facendo comunque grandi progressi”.



Tag: ,

Italia: primi nei parti cesarei

martedì 29 settembre 2009 di Alessandro Aquino

partces

L’Italia risulta essere ai primi posti al mondo per numero di parti cesarei. Il 39,27 per cento dei parti, quasi 4 su 10, avviene infatti per via chirurgica e non naturale. Questa percentuale ci pone al primo posto in Europa e sul podio nel mondo dopo Cina e Corea che raggiungono il 40 per cento.

Sono questi alcuni dei dati contenuti nel Libro bianco sulla salute della donna, promosso da O.N.Da e presentato ieri a Roma. Per l’igienista Walter Ricciardi si tratta di un dato preoccupante perchè la gran parte di questi cesarei potrebbe essere tranquillamente un parto naturale. Per questo motivo occorre sfatare il mito errato secondo il quale con il cesareo si soffre e si rischia di meno.

A fronte di una tendenza alla diminuzione registrata in Francia dove solo il 20% dei parti avviene col cesareo in Campania i cesarei superano il 61%. Nel nord Italia le regioni piu’ “virtuose”, Friuli e Alto Adige, arrivano comunque a superare il 24 per cento mentrealtre regioni come Puglia, SIcilia e Molise superano il 50%.



Tag: , , ,

Coxo-protesi più durature

martedì 29 settembre 2009 di Alessandro Aquino

protesi

Una nuova tecnica laser permetterà di creare protesi per l’anca, e stent anti-infarto, non solo piu’ forti, personalizzate e durature, ma anche piu’ economiche e facili da produrre. La sperimentazione arriva dal Center for Laser-Based Manufacturing della Purdue University in Indiana.

La tecnica consente di ricoprire le comuni protesi di titanio con una miscela di polveri di metallo e di ceramica fuse con il laser e solidificate a strati richiamando la struttura ossea. In questo modo i bioingegneri possono realizzare protesi personalizzate per ogni paziente e cambiare forma e dimensione a poco a poco evitando che la dilatazione termica provochi delle crepe.

Con il laser è inoltre possibile creare anche stent arteriosi, strutture metalliche che inserite nelle arterie ne evitano l’occlusione. Con questa metodica sarà dunque possibile realizzare una protesi in 3 giorni rispetto ai trenta necessari oggi.



Tag: , , , ,

Sembrare belli avendo amici brutti

giovedì 17 settembre 2009 di Alessandro Aquino

brutta

La buona notizia è questa: il segreto della bellezza non sta in creme costosissime, sfiancanti ore di palestra, diete ferree e disumane. Tutto potrebbe essere molto più semplice: facile come stare di fianco a degli amici, o delle amiche, più brutti di voi. Un consiglio vecchio come il mondo, che però ha ora una base scientifica, grazie a uno studio condotto dalla britannica Stirling University.

Lo studio mette in evidenza che i giudizi degli uomini e delle donne sull’avvenenza dell’altro sesso variano a seconda della compagnia di cui il soggetto “da concupire” si circonda. Se questa è “esteticamente irrilevante” o addirittura antiestetica, di colpo il soggetto con l’aspetto migliore, anche se di poco, sembra molto attraente. È possibile avere un effetto contrasto quando si sta accanto a qualcuno dello stesso sesso. Se il tuo amico è poco attraente, ti rende relativamente più attraente. Viceversa farsi vedere con un amica molto bella può metterti in cattiva luce e farti apparire più brutta di quanto realmente si è.

[Continua a leggere »]



Tag: ,