Estetica

In arrivo dall’India la biancheria anticellulite

giovedì 4 febbraio 2010 di Silvia Soligon

buccia aranciaL’azienda indiana Organic Advantage Natural Technologies Pvt propone un nuovo rimedio contro la cellulite: biancheria intima a base di estratti di neem, una pianta dalle proprietà lenitive e antinfiammatorie.

La comparsa della cellulite è dovuta a problemi alla microcircolazione a livello del tessuto adiposo, che portano a ritenzione idrica. L’esistenza di un enorme mercato dei prodotti per contrastarla è giustificato dal fatto che più dell’80 per cento delle donne soffre di questo problema, notoriamente difficile da sconfiggere. Accanto agli integratori alimentari e alle creme, negli ultimi anni hanno fatto la loro comparsa sul mercato gli indumenti contro la cosiddetta “buccia d’arancia”: calze contenenti caffeina, ciabatte che forzano i muscoli a lavorare più intensamente per mantenere la stazione eretta e biancheria intima contenente cristalli che, emettendo raggi infrarossi, stimolano la circolazione sanguigna.

[Continua a leggere »]



Tag: , ,

Sembrare belli avendo amici brutti

giovedì 17 settembre 2009 di Alessandro Aquino

brutta

La buona notizia è questa: il segreto della bellezza non sta in creme costosissime, sfiancanti ore di palestra, diete ferree e disumane. Tutto potrebbe essere molto più semplice: facile come stare di fianco a degli amici, o delle amiche, più brutti di voi. Un consiglio vecchio come il mondo, che però ha ora una base scientifica, grazie a uno studio condotto dalla britannica Stirling University.

Lo studio mette in evidenza che i giudizi degli uomini e delle donne sull’avvenenza dell’altro sesso variano a seconda della compagnia di cui il soggetto “da concupire” si circonda. Se questa è “esteticamente irrilevante” o addirittura antiestetica, di colpo il soggetto con l’aspetto migliore, anche se di poco, sembra molto attraente. È possibile avere un effetto contrasto quando si sta accanto a qualcuno dello stesso sesso. Se il tuo amico è poco attraente, ti rende relativamente più attraente. Viceversa farsi vedere con un amica molto bella può metterti in cattiva luce e farti apparire più brutta di quanto realmente si è.

[Continua a leggere »]



Tag: ,

Il tè bianco ti fa bella

giovedì 13 agosto 2009 di Silvia Lisciani

te  bianco

I ricercatori della Kingston University di Londra, in collaborazione con quelli del Neal’s Yard Remedies, hanno testato le proprietà salutari di 21 estratti di piante ed erbe, scoprendo che il tè bianco è quello con le migliori caratteristiche. Ha una forte azione anti-invecchiamento e sembra ridurre il rischio di ammalarsi di cancro e di artrite reumatoide.

Durante lo studio gli scienziati hanno valutato la capacità di ognuna delle sostanze di bloccare l’azione dell’ elastasi e della collagenasi, due enzimi in grado di rompere, rispettivamente, l’elastina e il collagene. La prima è una proteina che conferisce elasticità alla pelle, ai polmoni, alle arterie e ai legamenti, mentre il collagene dona resistenza ai tessuti connettivi, tra cui il derma.

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

Denti: il succo d’arancia è nemico del sorriso

venerdì 3 luglio 2009 di Silvia Soligon

denti sorriso

Il succo d’arancia è considerato fonte di molte sostanze salutari: vitamine B e C, zinco, potassio, calcio e flavonoidi. È altrettanto noto che, soprattutto se bevuto a stomaco vuoto, può peggiorare alcuni problemi gastrici, come le ulcere. Ma fino ad oggi nessuno aveva mai rivelato quanto possa essere dannoso per la salute dei denti, come riportato da Yan Fang Ren e i suoi colleghi, ricercatori dell’Eastman Institute for Oral Health dell’università di Rochester.

Lo studio, pubblicato dal Journal of Dentistry, ha messo ha confronto l’effetto che il succo d’arancia ha sullo smalto dei denti rispetto al perossido di idrogeno, uno sbiancante di uso comune sia presso i dentisti, sia in prodotti distribuiti sul mercato.

[Continua a leggere »]



Tag: , ,

Tecnologia applicata per uso estetico e medicale

giovedì 9 aprile 2009 di Federico Illesi

atelier apparecchiature estetiche

La tecnologia, un po’ in tutti i settori, sta avendo continui sviluppi. Così è anche nel settore delle apparecchiature per uso medicale ed estetico.
Per poter sfruttare appieno le potenzialità che queste evoluzioni offrono, occorre però essere formati e conoscere appieno l’utilizzo dei macchinari. Ecco allora che General Project, azienda italiana leader nella progettazione e produzione di apparecchiature ad alta tecnologia per uso medicale ed estetico, ha aperto vicino a Firenze il primo Atelier Italiano di Tecnologia Applicata.

Si tratta di un luogo all’interno del quale gli operatori che utilizzano, o che utilizzeranno, le macchine firmate General Project possono vedere e soprattutto imparare ad utilizzare le più avanzate apparecchiature per l’estetica professionale, e garantire così ai propri clienti i massimi risultati con il massimo della qualità dei trattamenti.

[Continua a leggere »]



Tag: ,

20 anni di botulino

mercoledì 1 aprile 2009 di Federico Illesi

botulino chirurgia esteticaÈ una storia gloriosa quella del botulino, scoperto nel lontano 1820 e approvato per la prima volta nel 1989 dall’autorità americana per il farmaco (FDA) con l’indicazione per le distonie oculari. Da quell’anno le possibili applicazioni cliniche non hanno fatto che moltiplicarsi sino ad arrivare alle oltre 20 attuali. Ma dopo le sue applicazioni in oculistica, neurologia e otorinolaringoiatria, la tossina botulinica svela ad un certo punto della sua storia uno dei suoi lati più affascinanti.

Un tipico evento di serendipità, quello strano insieme di caso e intuizione che accomuna tante scoperte scientifiche, fece sì che il dottor Jean Carruthers osservasse come nei soggetti che utilizzavano il botulino per curare le distonie oculari scomparissero le rughe della fronte e del contorno occhi. Scoperta a cui è seguita, nel 2002, l’approvazione per uso estetico.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , ,

Viaggiare per ritoccare, le nuove frontiere della chirurgia turistica

lunedì 5 gennaio 2009 di Valeria Gatopoulos

chirurgia esteticaIn Italia i costi della chirurgia estetica sono piuttosto elevati e sempre più persone ricorrono ad un viaggio all’estero per sottoporsi ad interventi che in Italia sarebbero costati troppo.

Si parte come se si stesse andando in vacanza, si acquista un pacchetto low cost dove è compreso il soggiorno in hotel e il trattamento chirurgico, un buon modo per conciliare l’utile al dilettevole. Ogni nazione si è infatti specializzata su un particolare ritocco. Gli italiani preferiscono la Tunisia più vicina e abbastanza soddisfacente. Da un minimo di 3000 euro per la blefaroplastica ad un massimo di 15000 euro per un Lifting cervico facciale, compresi viaggio, alloggio, vitto, intervento. Basta pensare che in Italia rifarsi il naso può costare in un ospedale pubblico anche 3000 euro.

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

A Mi manda RaiTre il caso del dottor Furio Ferrari

venerdì 21 novembre 2008 di Federico Illesi

banner sito estetica

A Mi manda RaiTre un caso che non passa inosservato: diverse donne si dichiarano “rovinate” dallo stesso chirurgo estetico, il dottor Furio Ferrari.

Le storie raccontate in trasmissione sono tutte accomunate dall’uso di un prodotto importato dallo stesso medico dalla Cina, senza alcun permesso – stando alle testimonianze. Il prodotto iniettato nelle pazienti avrebbe causato -secondo quanto riferito- infezioni che hanno provocato danni anche gravi alla salute, oltre che importanti conseguenze estetiche e psicologiche.
Chiaro comunque che non è un programma tv la discriminante, ma sarà il tribunale a stabilire, in via definitiva, chi e se ha sbagliato.

[Continua a leggere »]



Tag: ,

Congresso Sammarinese di Chirurgia Plastica, Dermatologia e Medicina Estetica

venerdì 14 novembre 2008 di Federico Illesi

master estetica

Lo scorso fine settimana ci siamo recati in visita ai laboratori della Bioscience Institute, una delle cell factory più importanti in Europa dedicate alla crioconservazione autologa di cellule staminali provenienti dal cordone ombelicale.

Motivo di questa visita era, tra le altre cose, quella di partecipare ad un interessante congresso di Chirurgia Plastica, Dermatologia e Medicina Estetica organizzato dal dipartimento di studi biometici dell’Università di San Marino e proprio dal Bioscience Institute.

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

Quando la chirurgia estetica diventa una malattia

venerdì 14 novembre 2008 di Alessandro Aquino

In un mondo dove viene valutato l’apparire e non l’Essere, dove la prestanza fisica, l’estetismo, la bellezza, e soprattutto la facilità al bisturi, portano a sottoporsi di continuo a ritocchi, spesso si finisce per diventare dipendenti dalla chirurgia plastica, tanto da divenire una vera e propria malattia da psicosi.

Questa è la storia di Hang Mioku, donna coreana di 48 anni con una vera e propria ossessione per la chirurgia estetica. Il suo primo intervento risale a quando aveva 28 anni. Anno dopo anno, il suo volto ha assunto un aspetto sempre più lontano da quello reale. Addirittura, dopo un lungo periodo di assenza, anche i suoi genitori, hanno avuto problemi nel riconoscerla.

Recentemente un chirurgo si è rifiutato di operarla. Secondo i medici il suo è un disturbo psicologico. Un altro medico, invece, le ha fornito una siringa e del silicone, in modo che potesse fare da sola. Quando ha esaurito il silicone, però, ha inserito nella siringa dell’olio bollente. Il risultato è quello nelle foto.

Questo è il frutto della chirurgia estetica marchettara che ogni giorno viene svenduta al mercato e praticata spesso in centri non autorizzati e da persone inesperte a prezzi molto bassi, tanto che orma è divenuta fai da te.



Tag: , , , , ,