Apparecchiature

Onetouch Ping pompa di insulina e glucosimetro

lunedì 7 luglio 2008 di Giusva Iannitelli

glucosimetro pompa insulina diabete

La Animas, una compagnia appartenente al gruppo Johnson & Johnson, e la OneTouch, noto produttore di glucosimetri, hanno deciso di unire le forze per produrre il OneTouch Ping, il primo device all-in-one in grado di somministrare un bolo di insulina sulla base di informazioni di livelli di glucosio senza che sia necessario toccare la pompa.

Il funzionamento non è poi così difficile da spiegare: il controllore di livelli di glucosio trasmette automaticamente i dati al microinfusore di insulina, che calcola in automatico il bolo da porre in circolo, senza dover mai utilizzare le mani. Secondo il comunicato stampa, i punti salienti riguardano proprio quest’autonomia; considerando poi che in un taschino, o sulla cintura, o in altro simil punto riservato, diventa praticamente invisibile, non si porrà neppure il problema di nasconderlo o di spiegare il funzionamento ad altri.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , , ,

CoHesion

lunedì 7 luglio 2008 di Giusva Iannitelli

elettrofisiologia cuore

Un’azienda operante in campo medico, la Hansen Medical di Mountain View in California, ha da poco ricevuto l’approvazione dalla FDA per la commercializzazione del nuovo CoHesion: un modulo di visualizzazione dell’elettrofisiologia cellulare, che sfrutta diverse tecnologie come la visualizzazione 3D del St Jude, il sistema di navigazione robotizzata Hansen 3D, e così via.

Per la precisione questa struttura offre un punto di incontro tra la Hansen Medical Sensei Robotic Catheter l’EnSite System advanced mapping software; la piattaforma Hansen Medical offre ai medici l’abilità di navigare istintivamente un catetere nella fase diagnostica di una procedura complessa di aritmia cardiaca. Il nuovo modulo CoHesion importa il modello 3d di camera cardiaca di EnSite System, con etichette anatomiche nella finestra principale di navigazione di Sensei system, permettendo ai medici di vedere la locazione del catetere di controllo Artisan di Hansen Medical nel cuore in condizioni di tridimensionalità.

Grazi all’approvazione la sua commercializzazione è quindi possibile fin d’ora; chiaramente per l’Europa il percorso non è lo stesso, ma non è così improbabile che si arrivi al medesimo risultato.



Tag: , , , ,

Risonanza magnetica portatile

giovedì 3 luglio 2008 di Federico Illesi

risonanza magnetica portatile

Quando si parla di risonanza magnetica si pensa sempre ad apparecchiature molto ingombranti e costose installate nella maggior parte degli ospedali, mentre esistono modelli portatili, come quello messo a punto dal Fraunhofer-Gesellschaft, per osservare non pazienti umani ma composti chimici.

La risonanza magnetica nucleare in origine (1946) era una tecnica utilizzata per l’analisi della chimica molecolare e della struttura dei materiali e solo in un secondo momento adattata alla medicina per scopi diagnostici.
La risonanza magnetica, scoperta nel 1946 dai fisici Felix Bloch ed Edward Purcell, per cui ricevettero il Premio Nobel per la fisica, è basata su principi fisici che utilizzano la misurazione della precessione dello spin magnetico dei protoni sottoposti ad un campo magnetico molto elevato (1-3T).

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

Il ragazzo di Ischia è stato operato: l’ospedale spiega, ma resta la polemica

martedì 1 luglio 2008 di Giusva Iannitelli

Sembra sia da bollare come bufala la notizia che riguardava il ragazzo in atteso di apparecchi ad Ischia, che lottava tra la vita e la morte.

Questo ha dichiarato a l’azienda sanitaria, ripresa qualche momento fa anche da Studio Aperto, aggiungendo che “l’ospedale di Ischia essendo deputato a gestire le emergenze, è dotato di tutti i presidi necessari per un intervento di riduzione delle fratture d’urgenza. Nel caso specifico, si è trattato di un’urgenza differita, ovvero di una condizione per la quale è possibile richiedere mezzi adatti alla riduzione delle fratture specificamente pensati per la tipologia del caso e per l’età del paziente“. Il mezzo in questione era un chiodo gamma, un dispositivo sfruttato per creare un sistema in grado di distribuire equamente la forza applicata ad un osso fratturato.

Quindi è vero che il paziente era in attesa di uno strumento biomedico e il ritardo nell’operazione era dovuta proprio ai parametri -di cui vi avevo parlato nell’altro articolo- che dovevano essere prima stabilizzati, tuttavia il ragazzo ha rischiato la vita.
L’operazione è avvenuta con successo questa mattina.



Tag: , , ,

Ad Ischia un ragazzo lotta tra la vita e la morte: manca uno strumento in ospedale

lunedì 30 giugno 2008 di Federico Illesi

Gli strumenti operatori sono tutti estremamente utili durante un’operazione e tutti -potenzialmente- possono diventare l’unico mezzo di salvataggio per qualcuno.

Questa è una cosa che dovrà ricordare un ragazzo di Ischia che in queste ore sta lottando tra la vita e la morte, perché sull’ospedale dell’isola manca un apparecchio che stabilizzi la frattura della sua gamba, che gli sta provocando un’emorragia molto importante. In poche ore la grande instabilità emodinamica ha provocato non solo alcuni scompensi cardiaci, ma pure una flessione importante del valore percentuale di emoglobina.

La soluzione nella teoria sarebbe il trasporto di urgenza in altra azienda sanitaria, in questo caso quella di Napoli, tuttavia le sue condizioni non gli permettono alcun tipo di movimento. Non resta quindi che attendere fino a domani, martedì 1 luglio, l’arrivo di questo strumento, e sperare che nel frattempo il ragazzo continui a lottare.

[immagine rfc1036]



Tag: , , ,

Stimolazione magnetica per il mal di testa

sabato 28 giugno 2008 di Federico Illesi

stimolazione magnetica transcranica mal di testaStimolazioni magnetiche con apposite apparecchiature al posto dei farmaci contro il mal di testa? Sembra impossibile, invece esistono già e in fase sperimentale avanzata e addirittura potrebbero essere commercializzati in tempi molto brevi.

Il nuovo approccio al mal di testa è molto promettente secondo gli scienziati statunitensi, che dalla sua ha anche il vantaggio di risparmiare ai pazienti i fastidiosi effetti collaterali dei farmaci usati comunemente da milioni di persone.
Le apparecchiature sulle quali ci sta concentrando maggiormente sono due: il T.M.S, Transcranial magnetic stimulation (Stimolazione magnetica transcranica) e l’O.M.S, Occipital magnetic stimulation, la stimolazione magnetica del nervo occipitale.

Il TMS è un apparecchio elettromagnetico non invasivo che viene appoggiato sulla parte posteriore del capo e trasmette brevi impulsi che alterano l’attività elettrica all’interno del cervello, bloccando così l’attacco di mal di testa appena si manifesta.
Il meccanismo d’azione ricorda quello dell’ elettroshock: si somministra una “scossa” ma senza dolori e senza effetti collaterali. Si è osservato che le onde elettromagnetiche andrebbero a eccitare i neuroni nel cervello portando quindi il tessuto a rinnovarsi, bloccando sul nascere il disturbo doloroso.
Addirittura negli USA, con lo stesso principio, si è realizzata perfino un’apparecchiatura portatile per stimolare le funzioni cognitive come la memoria, la capacità di calcolo e alleviare la depressione.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , ,

SoWash, idrogetto contro placca e tartaro dei denti

venerdì 27 giugno 2008 di Federico Illesi

SoWash idrogetto denti

SoWash è un particolare spazzolino da denti NON a batterie con idrogetto per pulire in profondità la bocca dai residui di cibo.

Grazie al suo getto d’acqua garantisce la pulizia interdentale, la rimozione della placca sottogengivale e il risciacquo in profondità come dimostrato da studi eseguiti presso l’Università degli studi di Napoli.
SoWash si collega direttamente al rubinetto e non necessita di batterie o collegamenti all’impianto elettrico di casa, basta avvitare il tubicino con l’apposita ghiera al rubinetto e regolare temperatura e pressione desiderata.

Per le sue caratteristiche l’idrogetto SoWash è particolarmente efficace, tra l’altro, in tutti i casi di difficile detersione degli spazi interdentali, come ad esempio in presenza di apparecchi ortodontici, impianti o ponti.
Dopo soli 14 giorni di utilizzo del sistema SoWash è stata riscontrata una riduzione del: 70% di placca (vpi) e 60% di sanguinamento gengivale (bop).

Nella continuazione, il video sul funzionamento del prodotto.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , , , ,

MarrowXpress, cellule staminali in 30 minuti

lunedì 23 giugno 2008 di Federico Illesi

MarrowXpress cellule staminali

La ThermoGenesis ha appena ricevuto il marchio CE per MarrowXpress, un dispositivo per isolare le cellule staminali estratte dal midollo osseo.

Una volta inserito all’interno della macchina il midollo osseo prelevato dal paziente, occorrono circa 30 minuti per ottenere automaticamente le cellule staminali isolate dal resto e concentrate in un apposito raccoglitore.
L’interno sistema funziona a batterie NiMH ricaricabili.

MarrowXpress è inoltre dotato di un sistema di collegamento a computer per analizzare in tempo reale i dati per scopi di ricerca.

[via medgadget | maggiori informazioni]



Tag: , ,

Novità da Multi-modality Imaging per iPhone

lunedì 23 giugno 2008 di Federico Illesi

iphone software risonanza tac pet

Vi avevamo già parlato tempo fa di del software per iPhone Multi Modality Imaging prodotto dalla società MimVista, oggi possiamo mostrare qualche foto in più sul suo funzionamento.

L’applicazione per iPhone e iPod Touch è un software di elaborazione immagini pensato appositamente per dare una postazione mobile di lavoro ai medici.

Multi-modality Imaging fornisce una ricostruzione multiplanare dei data sets TAC, PET, MRI e SPECT, fondendo le immagini di multi-modalità. Usando l’interfaccia multi-touch, gli utenti possono cambiare i piani e le immagini, regolare lo zoom, i livelli di colore e le opzioni di fusione.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , , ,

Rianimazione cardiopolmonare con CPR-PAD

sabato 21 giugno 2008 di Federico Illesi

massaggio cardiaco rianimazione cardiopolmonare cpr

La corretta esecuzione del CPR (rianimazione cardiopolmonare) o massaggio cardiaco può aumentare le possibilità di salvezza di un paziente fino al 50%. Ma spesso il panico o la scarsa preparazione producono solo effetti negativi.

Il designer Ryan ha affrontato la questione realizzando “CPR-PAD”, un dispositivo da applicare sul torace del paziente per aiutare il soccorritore meno esperto a esercitare la giusta pressione nel punto corretto.
Non un semplice adesivo che già potrebbe bastare- ma un dispositivo elettronico che inizia a lampeggiare se la pressione è adeguata scandendo anche il ritmo il corretto.

Secondo Ryan, questo dispositivo avrebbe un costo ridottissimo e potrebbe trovare posto in tutti i luoghi pubblici per essere immediatamente disponibile.



Tag: , , ,