GE Healthcare lancia Vscan

GE Healthcare, la divisione medicale di General Electric, ha presentato in anteprima assoluta per l’Italia VscanTM, ecografo piccolo come uno smart phone. VscanTM utilizza una tecnologia di ultimissima generazione che permette ai medici di visualizzare in maniera non invasiva e immediata quello che accade all’interno del corpo umano. Realmente tascabile, VscanTM può essere trasportato facilmente per essere utilizzato in molteplici contesti clinici, ospedalieri, territoriali o in situazioni di emergenza.

L’incontro a Milano ha visto la partecipazione di Omar Ishrak (Presidente e AD di GE Healthcare – Healthcare Systems), Reinaldo Garcia (Presidente e AD di GE Healthcare EMEA), e Sandro De Poli (Presidente di GE Healthcare Italia). Presenti anche Maurizio Galderisi dell’Università Federico II di Napoli e Agostino Colli dell’Ospedale Alessandro Manzoni di Lecco, due degli ospedali italiani scelti da GE Healthcare per partecipare agli studi clinici sull’impatto di VscanTM avviati lo scorso novembre.

“Nel 2009 abbiamo lanciato healthymagination, un progetto globale per lo sviluppo di tecnologie innovative volte a migliorare la qualità delle cure mediche, riducendone i costi e aumentando l’accessibilità”, ha spiegato Omar Ishrak. “VscanTM, uno dei nostri apparecchi a ultrasuoni di ultima generazione, soddisfa tutti e tre questi criteri. Queste tecnologie rivoluzionarie potranno supportare i medici nel prendere decisioni più velocemente rispetto a diagnosi e terapia”.

La possibilità di visualizzare velocemente organi ed apparati del corpo umano con VscanTM può aiutare i medici a individuare le malattie più precocemente: un aspetto che può rivelarsi determinante in diversi contesti clinici, dalla medicina generale alla cardiologia, dalle cure d’urgenza alla salute femminile, oltre che nei contesti ospedalieri.

“L’Italia, con oltre 40.000 medici di famiglia, è un Paese con un altissimo potenziale di penetrazione per VscanTM”, ha aggiunto Sandro De Poli. “In Europa il nostro Paese è considerato all’avanguardia per l’innovazione tecnologica. Per questo abbiamo scelto di avviare qui il primo studio multicentrico sull’impatto clinico di VscanTM coinvolgendo cinque strutture (Napoli, Milano, Siena e Lecco). Ad oggi, abbiamo registrato risultati assolutamente positivi. Il nostro obiettivo è aiutare l’Italia a sviluppare un servizio sanitario più efficiente, riducendo i costi concentrando la spesa su tecnologie più efficienti e specifiche, e sulla creazione di una solida infrastruttura IT”.

“Ho utilizzato VscanTM in molte situazioni cliniche diverse, nella normale degenza, in terapia intensiva e in ambulatorio”, ha detto Agostino Colli. “Questo strumento mi ha permesso di rispondere a quesiti che una semplice visita non sarebbe stata in grado di risolvere. Aiuta i medici a prendere decisioni più velocemente. Sono sicuro che VscanTM potrà giocare un ruolo fondamentale nella normale attività clinica incrementando il potere diagnostico ad integrazione della visita clinica”.

VscanTM offre qualità di immagine eccellente, avvalendosi della tecnologia ad ultrasuoni GE con imaging bidimensionale e color Doppler; il tutto in un dispositivo realmente tascabile con un peso inferiore ai 400 g.
Inoltre, VscanTM offre:
– un portale online nel quale sono a disposizione strumenti di formazione sul prodotto e sulle applicazioni cliniche di base con sezioni su tecnica di imaging, anatomia e risoluzione dei problemi
interfaccia utente di estrema semplicità a “sfioramento”
stazione di ricarica batteria; autonomia in scansione un’ora circa
note vocali
porta USB
collegamento a computer per l’organizzazione e l’esportazione di dati
software Gateway con strumenti di manutenzione e diagnostica remota.

Il dispositivo di imaging Vscan ha ottenuto l’autorizzazione 510(k) negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration (FDA), l’autorizzazione CE dall’Unione Europea, oltre che la licenza di dispositivo medicale da Health Canada ed è ora disponibile in commercio negli U.S.A., in Europa, in India e in Canada.

Articoli correlati

Rispondi