Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer

SouvenaidSi chiama Souvenaid la nuova bevanda sperimentale messa a punto dalla Rush University Medical Center di Chicago.

Souvenaid potrebbe essere in grado di limitare le carenze mnemoniche dei pazienti ai primi stadi della malattia o con una moderata di Alzheimer.

Saranno 500 i pazienti sottoposti a questa nuova sperimentazione, queste persone verranno distribuite in 40 centri medici statunitensi e resteranno sotto la supervisione del Dr. Raj Shah, responsabile della ricerca.

La bevanda non costituisce una possibilità di guarigione, ma piuttosto la possibilità di rallentare il decorso della malattia o al limite di migliorare la memoria del paziente. Non bisogna dimenticare che mantenere il cervello attivo con numerosi studi, progetti, test di logica aiuta a prevenire il rischio Alzheimer.

Non resta che attendere i risultati della sperimentazione.

Fonte e maggiori informazioni

Articoli correlati

Una risposta a “Souvenaid, una nuova bevanda contro l’Alzheimer”

  1. Carmela Pepe scrive:

    Non desidero commentare anche se per me va tutto bene. Vorrei una informazione da qualcuno perchè il fratello di una mia amica ha una mano con mezzo palmo, ossia non ha i monconi delle dita e soffre e sta andando in depressione. Ha quaranta anni e giocava a calcio.
    So che si possono avere delle protesi da attare al polso e so che possono assicurare i movimenti come se si avesse una mano perfetta o quasi.
    Per favore qualcuno è in grado di aiutarmi inviandomi alcuni siti o indirizzi di cliniche, o ospedali sia ina Italia che in Europa per poter sottoporre il proplema dell’impianto di protesi.
    Chiedo scusa se non mi esprimo correttamente ma non sono erudita in tale maniera.
    Chiedo anche scusa per essermi inserita ma sono quasi due giorni che cerco senza risultati.
    Grazie di cuore e saluti. Carmela

Rispondi