Nuovo test per la malaria

zanzara malaria

Si chiama Maliva la nuova gomma da masticare in grado di catturare, grazie a delle nanoparticelle magnetiche aggiunte al suo interno, le proteine presenti nella sequenza nucleotidica del protozoo responsabile della malattia.
In questa maniera non saranno più necessari prelievi di sangue per poter diagnosticare la malattia, basterà semplicemente analizzare la saliva.
La gomma, masticata per un paio di minuti, viene poi posta sopra una striscia di carta speciale, qualora sulla carta appaia una linea colorata, il paziente ha contratto la malattia, in caso contrario il paziente è sano.

Questo nuovo test consentirà di fare un numero maggiore di analisi in tempi sicuramente più ristretti, riuscirà ad ovviare, per altro, al problema degli aghi e dell’igiene, una maniera in più per limitare la diffussione del virus del HIV, nel caso in cui si usino più di una volta gli stessi aghi su pazienti diversi.

Questo metodo diagnostico, per nulla invasivo, può essere facilmente utilizzato anche sui bambini, considerando che la malaria uccide ogni anno 1 milione di persone in tutta l’Africa.
Sono scettici alcuni medici, secondo i quali nella saliva ci sarebbe una concentrazione minore di proteine malariche.

ll progetto di ricerca è uno dei 75 progetti selezionati che potranno usufruire dei 100 mila dollari destinati da Bill e Melinda Gates che dal 2000 operano per la ricerca e per lo sviluppo dei paesi del terzo mondo, la ricerca è stata affidata al team del dottor Fung.

[foto topnews]

Articoli correlati

Rispondi