Archivio di gennaio 2010

Infinitamente… scienza!

giovedì 28 gennaio 2010 di Ilaria De Vito

infinitamente scienza

Conoscere la scienza significa leggerla, ascoltarla, vederla e soprattutto viverla.

Tutto questo sarà possibile durante il festival della scienza “Infinitamente” che si terrà, per la sua seconda edizione, a Verona da giovedì 28 a domenica 31 gennaio 2010.

Il nome della manifestazione allude non solo alle infinite possibilità della mente umana e della ricerca, ma anche all’inesauribile sete di conoscenza che accompagna l’uomo nella sua evoluzione. Il festival si propone di appassionare il vasto pubblico ai temi più attuali della ricerca, portando i protagonisti del mondo scientifico a diretto contatto con il pubblico, al di fuori delle sedi istituzionali.

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

I nuovi equilibri genitori- figli

mercoledì 27 gennaio 2010 di Ilaria De Vito

facebookMolti genitori si preoccupano oggi di permettere l’uso dei social network come Facebook o MySpace ai propri figli adolescenti. Indubbiamente è questa un’età molto particolare ma come dimostra un recente studio di psicologia dell’Università della Virginia non c’è molto da preoccuparsi: i rapporti di amicizia su internet altro non sono che un’ estensione delle dinamiche reali.

Per cui per giovani ragazzi con atteggiamenti positivi nella vita normale, i mezzi che il web offre non possono che rappresentare un mezzo in più per mantenere una normale e positiva vita sociale.

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

Correre fino al limite

martedì 26 gennaio 2010 di Ilaria De Vito

gara corsa

La corsa è uno sport praticato da molti. Comodo perché si può praticare ovunque, con qualsiasi condizione climatica, in compagnia o da soli, all’aperto o al chiuso, è uno sport economico. Un mix di eccellenza per renderlo uno sport affascinante ed attraente.  E’ una pratica sportiva semplice che consente di mantenere e di sviluppare una buona forma fisica migliorando l’efficienza cardiaca e circolatoria. Ma  è anche un’attività piacevole. Sembra infatti che abbia un attività rilassante e migliori il tono dell’umore. E’ ormai ampiamente dimostrato che correre regolarmente fa bene alla salute, abbassa la quantità di zuccheri nel sangue, aiuta la circolazione, fa perdere peso e stimola il buon umore.

Si può correre per fare del movimento, si può correre per dimagrire, oppure si può correre per competere. Contro altri corridori, certo, ma anche contro i propri limiti.  Cercare di superare le capacità umane, è forse il pensiero più nascosto di molti agonisti.  Arrivare sempre più in là, fino all’infinito, senza mai porre limite.  Ed è qui che arriva la scienza: a segnare l’arrivo!

L’uomo potrebbe correre fino a 65 Km/h, superando nettamente i 45 realizzati da Usain Bolt per il suo record del mondo sui 100. Lo afferma una ricerca pubblicata dal Journal of Applied Phisiology, secondo cui il fattore limitante non e’ la potenza muscolare, ma il tempo di contatto fra il piede e il suolo durante la corsa, un fattore che migliora con l’allenamento ma anche con l’aumento dell’altezza dei corridori.



Tag: , , ,

Comfort ad Haiti

lunedì 25 gennaio 2010 di Federico Illesi

comfort haiti nave
[Foto del Dipartimento della Difesa Americano]

La più grande nave ospedaliera, chiamata Comfort, è approdata nei giorni scorsi ad Haiti, luogo colpito da disastri ben noti a tutti.

La nave ospedale è governata da un equipaggio composto da oltre 140 persone: ottanta tra ufficiali, sottufficiali, graduati e marinai della US Navy nonché una sessantina di marinai civili. A questi vanno aggiunte circa 500 unità tra personale medico e paramedico.

Il personale dei ruoli sanitari proviene prevalentemente dal National Naval Medical Center di Bethesda, nel Maryland (che tra l’altro è un centro sanitario d’elezione dove non solo i militari e le loro famiglie si curano, ma anche i presidenti americani sono stati curati o sottoposti a interventi chirurgici a Bethesda) mentre altri provengono dal Portsmouth Naval Hospital in Virginia.

[Continua a leggere »]



Tag: , , , ,

Fobofobia

lunedì 25 gennaio 2010 di PensieriParole

In psicanalisi non ci facciamo mancar nulla. L’invenzione del secolo scorso è perfetta. Vorrei idealmente consegnare l’Oscar della medicina, ramo “effetti speciali” all’inventore della patologia battezzata “fobofobia”.

Vedi frase »



Tag:

Nanoparticelle e nanotecnologie

domenica 24 gennaio 2010 di Federico Illesi

Anno III, numero I

Scarica il PDF a colori

Scarica il PDF a colori »

Scarica il PDF in bianco e nero

Scarica il PDF in bianco e nero »

In questo numero:

  • Nanoscopio ottico
  • Dentifrici, quale scegliere?
  • Nanoparticelle intelligenti contro l’arteriosclerosi
  • La rivincita del cellulare
  • Cryo Balloon, la nuova terapia per la fibrillazione atriale
  • Dita bioniche
  • I microbi in gravidanza proteggono dalle allergie
  • Psicologia: la sensibilità è scritta nei geni
  • Laringe artificiale per tornare a parlare
  • iPhone CPR
  • Grelina per il Parkinson
  • Grandi speranze per le staminali da liquido amniotico
  • Test dell’Hiv in carcere
  • Luna ed epilessia, ecco il legame biologico
  • A H1N1 riscontrate le prime mutazioni
  • Ridurre i tempi d’attesa per visite ed esami ospedalieri
  • Svelato nella dieta il segreto della longevità 
  • Meditare per salvare il cuore
  • Violenti ma dolci
  • Malattia economica


Tag:

Giovanni ha bisogno di noi!

sabato 23 gennaio 2010 di Federico Illesi

giovanni spit
[Giovanni “Spit” assieme agli infermieri del reparto di ematologia dove è ricoverato – Il Giornale di Vicenza]

Giovanni Spitale, Spit per gli amici, è un ragazzo di 22 anni che ha pubblicato una lettera sul Giornale di Vicenza per raccontare la sua storia.
Giovanni è in attesa di trovare un donatore compatibile per il trapianto di midollo osseo. Perciò chiunque volesse salvare una vita, che abbia tra i 18 e i 35 anni, può presentarsi all’ospedale di Vicenza.
In pochi giorni sono centinaia le richieste all’Admo (Associazione donatori di midollo osseo) e speriamo che tutto ciò continui per Giovanni e per gli altri ragazzi nelle sue condizioni.

Chi fosse interessato potrà contattare il centro trasfusionale allo 0424- 888701/2. Chi volesse parlare con Spit può scrivere una e-mail a spit[at]email.it o cercare Giovanni Spitale su Facebook.

Qui sotto la lettera di Giovanni che vi invito a leggere.

[Continua a leggere »]



Tag: , , ,

Nanoscopio ottico

sabato 23 gennaio 2010 di Federico Illesi

iit

Raccontano che vedere qualcosa di più piccolo sia oggi “materialmente” impossibile. Il primo esemplare al mondo di nanoscopio ottico promette di mostrare “dal vivo” particelle fino a 7,6 nanometri, come microcellule e neuroni.

Per capire il seguito, infatti, bisogna sapere che un nanometro corrisponde alla miliardesima parte di un metro e che le macchine più sofisticate al mondo si “fermano” attualmente a 300 nanometri. Un oggetto che potrebbe pensionare definitivamente i vecchi microscopi ma anche i nuovi nanoscopi, sfruttando al meglio la potenza del laser di luce, più efficace e meno invasivo delle altre tecniche. Nello stile minimalista che contraddistingue una delle eccellenze italiane quale è appunto l’Iit, l’evento viene vissuto senza particolare enfasi.
Il nanoscopio a luce continua sfrutta la forza del laser rispetto alla più classica e meno potente luce pulsata ed è stato realizzato dal colosso mondiale del settore Leica Microsystems, frutto della lunga collaborazione con il dipartimento di Neuroscienze e Neurotecnologie diretto da Fabio Benfenati.

[Continua a leggere »]



Tag: ,

Dentifrici, quale scegliere?

venerdì 22 gennaio 2010 di Federico Illesi

dentifricio spazzolino

Sarà capitato sicuramente anche a voi di recarvi ad acquistare un dentifricio al supermercato o in farmacia e di trovarvi con un’ampia gamma di prodotti, ma quale scegliere? Spesso la scelta ricade sui prodotti reclamizzati oppure si fa una cernita in base al costo perché dal punto di vista della salute tutti i dentifrici promettono di “combattere la carie”, “eliminare la placca”, e molto altro ancora.

Secondo uno studio effettuato dal Cochrane Oral Health Group dell’Università di Manchester e pubblicato sul Daily Mail il dentifricio “giusto” sarebbe quello con la concentrazione di fluoro maggiore. Ecco che diventa fondamentale leggere l’etichetta con il contenuto. Infatti, una concentrazione di fluoro bassa e con “bassa” si intende meno di 1.000 parti per milione, l’effetto del dentifricio nel prevenire le carie è equivalente a quello di un dentifricio senza fluoro. Al contrario, i dentifrici con un’alta concentrazione di fluoro sarebbero in grado di ridurre del 24 % la formazione delle carie. Generalmente i prodotti in vendita hanno una concentrazione variabile dalle 100 parti per milione fino a un massimo di 1.400.

A queste conclusioni si è giunti dopo una revisione di 79 ricerche a livello mondiale con il coinvolgimento di oltre 73 mila bambini. E proprio i più piccoli sono i soggetti a cui occorre prestare maggiormente attenzione: nell’articolo si consiglia di evitare dentifrici con elevate quantità di fluoro nei bambini di età inferiore ai sei anni per evitare la fluorosi in caso di ingestione di quantità significative durante il lavaggio dei denti.



Tag: , , , , , ,

Nanoparticelle intelligenti contro l’arteriosclerosi

mercoledì 20 gennaio 2010 di Federico Illesi

nanoparticelle arterieI ricercatori di Harvard e del MIT hanno progettato un nuovo tipo di nanoparticella per il trattamento dell’arteriosclerosi.

Le nanoparticelle hanno un rivestimento esterno “appiccicoso” che si attacca alla membrana dell’arteria solo nei siti danneggiati. In questo modo, una volta iniettate nel flusso sanguigno le particelle fluiranno nelle arterie per fermarsi dove c’è effettivo bisogno. Una volta collegato alla membrana, le particelle rilasciano lentamente un farmaco che rallenta e blocca la chiusura di tale arteria.

La nuova tecnologia è stata progettata per essere utilizzata in combinazione con gli stent, ma anche per essere utilizzata da sola nelle aree in cui posizionamento di stent non sarebbe fattibile.
Le nanoparticelle sono ora in fase di studio sugli animali e in particolare si sta studiando il comportamento sui topi danneggiando la carotide e iniettando nella coda.



Tag: ,