I cannabinoidi possibili farmaci per la cura dello stress

fumo droga

L’uso di cannabinoidi (marijuana) potrebbe essere utile per il trattamento dei pazienti con disturbo da stress post-traumatico. Lo domostra un nuovo studio effettuato presso il Learning and Memory Lab, Università di Haifa Dipartimento di Psicologia. Lo studio, svolto da una ricerca degli studenti Eti-Ganon Elazar sotto la supervisione di Irit Akirav, è stata pubblicata nel prestigioso Journal of Neuroscience.

Nella maggior parte dei casi, il risultato di vivere un evento traumatico – un incidente d’auto o di attacco terroristico – è la comparsa di sintomi medici e psicologici che interessano varie funzioni, ma che passano. Tuttavia, circa il 10% -30% delle persone che hanno esperienza di un evento traumatico sviluppano disturbo post-traumatico da stress, una condizione in cui il paziente continua a soffrire di sintomi da stress per mesi e anche anni dopo l’evento traumatico. I sintomi comprendono risvegli traumatici, la voglia di evitare tutto ciò che può ricordare il trauma, e di vari disturbi psicologici e fisiologici. La terapia risulta molto complessa, soprattutto perché, molto spesso,  le persone affette durante la cura sono sottoposte a stress aggiuntivo,

Il presente studio i ricercatori hanno usato una forma sintetica di marijuana, che ha proprietà simili alla pianta naturale, e hanno scelto di utilizzare un modello di topo, che presenta risposte fisiologiche analoghe allo stress a quello degli esseri umani.

La prima fase della ricerca ha esaminato il tempo impiegato per i ratti a superare un evento traumatico, senza alcun intervento. Hanno preparato una cella bianca da un lato e nera dall’altro. I topi sono stati posti nell’area bianca. Ogni giorno, per una volta, i topi venivano spostati nella zona nera, area che normalmente prediligono. All’ingresso nella zona nera, i ricercatori applicavano una leggere scossa elettrica i topini. Ogni giorno i topini sono stati portati alla cella e rimessi nella zona bianca. Immediatamente dopo l’esposizione al trauma, i topi non si sarebbero spostati verso l’area nera su base volontaria, ma pochi giorni più tardi, dopo che non subivano ulteriori scosse elettriche nella zona di nero, hanno imparato che è di nuovo sicura e hanno ricominciato a trasferirvi senza esitazione.

Successivamente, i ricercatori hanno introdotto un ulteriore elemento di stress. Un secondo gruppo di ratti sono stati inseriti in un piccola piattaforma elevata dopo aver ricevuto la scossa elettrica. Questi ratti si sono astenuti dal ritorno alla zona nera nella cella per molto più tempo, il che dimostra che l’esposizione a stress aggiuntivo  effettivamente ostacola il processo di superamento del trauma.

Nella terza fase della ricerca è stato esaminato un altro gruppo di ratti. Questi sono stati esposti a eventi traumatici ed ulteriore stress. Poi prima di essere elevati sulla piattaforma hanno ricevuto un’iniezione di marijuana sintetica nella zona amigdala del cervello – una specifica area conosciuta per essere collegata alla memoria emotiva. Questi ratti hanno deciso di entrare nella zona nera dopo la stessa quantità di tempo del primo gruppo.  Ciò dimostra che la marijuana sintetica ha annullato i sintomi da stress aggiuntivo. In seguito a questi primi risultati, i ricercatori hanno poi somministrato iniezioni di marijuana in punti diversi  e in tempi diversi ad ulteriori gruppi di ratti: indipendentemente da quando, esattamente, l’iniezione è stata somministrata, ha impedito l’emergere di sintomi di stress.

Akirav e Ganon-Elazar hanno anche esaminato i cambiamenti ormonali nel corso della sperimentazione e hanno scoperto che la marijuana sintetica impedisce aumentato rilascio di ormoni dello stress che il corpo produce in tali condizioni.

Secondo Akirav, i risultati di questo studio mostrano che i cannabinoidi possono svolgere un importante ruolo nella risposta allo stress: “I risultati della nostra ricerca dovrebbero incoraggiare indagini psichiatriche sull’ uso di cannabinoidi nei pazienti con stress post-traumatico “, conclude.

E’ opportuno precisare, l’intenzione di studiare ed in futuro utilizzare i cannabinoidi come farmaci, e come tali con le dovute precauzioni.

 Fonte: http://newmedia-eng.haifa.ac.il/?p=1430

Articoli correlati

Rispondi