In piscina la nuova pet therapy

pet theraphy

Dagli effetti benefici dell’acqua e dell’interazione uomo- animali, nasce la nuova pet therapy:  un bagno in piscina per avere un ambiente rilassante e un cane per essere stimolati.  

La nuova terapia  si pratica nel centro che si trova a Ponti sul Mincio, in provincia di Mantova e i risultati raggiunti finora sui bambini autistici o dislessici sono positivi.

L’uso di cani addestrati ed abituati alla presenza dell’acqua riuscirebbe a far socializzare bambini affetti da varie sindromi psico-somatiche.  Secondo il direttore del centro, i migliori risultati si sono avuti con un bambino dislessico che non riusciva a pronunciare le parole intere. L’unico modo per fargli dire un certo vocabolo era quando questo veniva rivolto al cane durante il bagno. Il bambino non ha cominciato a parlare in modo fluido, ma ci sono stati progressi nella pronuncia di parole intere che prima venivano dette a metà.

Prima di iniziare la terapia si valuta il rapporto che il bambino ha con l’acqua ed anche con il cane. Se non ci sono problemi si prosegue con l’incontro terapeutico che dura un’intera giornata seguito dai genitori, da un veterinario, da uno psicologo, da un pediatra e da un medico specialista.

Articoli correlati

Rispondi