Vaccino antinfluenzale pronto a fine ottobre

flu-shot

Il vaccino contro l’influenza A/H1N1 potrebbe essere disponibile anche prima del 15 novembre, data prevista per l’inizio delle prime immunizzazioni con l’influenza pandemica. Lo ha detto il viceministro alla Salute, Ferruccio Fazio, ieri, intervenendo ad un convegno in tema, alla festa nazionale del Pdl, a Milano: «Le prime dosi per i servizi essenziali ci saranno forse addirittura entro il 31 ottobre».

Novartis, il colosso farmaceutico che ha ricevuto mandato dal governo di produrre i primi ventiquattro milioni di vaccini, ne conferma la sicurezza, sono stati eseguiti test su seimila volontari in tutto il mondo, e la prima fornitura, già avvenuta, di cinquecentomila dosi. Tra domani e dopodomani, ha spiegato Fazio, il ministero della Salute emetterà alcune circolari per regolamentare e coordinare le azioni in fase di influenza pandemica. I medici di base, in particolare, “dovranno fare triage (diagnosi, ndr) diagnosi telefoniche, senza vedere la persona”, mentre alle Regioni verrà chiesto di compiere e trasmettere al Ministero un censimento delle unità intensive di secondo livello. Una terza circolare dovrebbe poi fornire indicazioni sulle modalità di gestione dei casi più gravi.

Sullo stato attuale dell’influenza A si è espresso Walter Ricciardi, direttore dell’istituto di Igiene dell’università Cattolica del sacro Cuore di Roma: «La pericolosità potenziale, in termini di mortalità, del virus stagionale è superiore rispetto al virus H1N1, anche perché colpisce gli anziani e le persone più a rischio, a differenza della nuova influenza che colpisce anche i giovani. Per l’influenza stagionale, il vaccino sarà disponibile dal primo ottobre».

Articoli correlati

Rispondi