58° Congresso SICPRE – Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica

sicpre

È l’appuntamento del “Gotha” della chirurgia plastica italiana.
Nell’anno in cui il settore è in totale controtendenza rispetto alla crisi economica mondiale, il trend positivo ha dato enorme impulso alla ricerca di nuove tecniche che secondo le richieste di specialisti e pazienti devono essere efficaci ma soprattutto sicure.
Presentate oggi, primo ottobre, a Milano le più recenti novità del settore.

Per ciò che riguarda l’estetica del viso, l’attenzione sarà dedicata alle nuove acquisizioni del “gel piastrinico”, un emocomponente con elevate concentrazioni di piastrine che è in grado di liberare numerosi fattori di crescita ed essere impiegato quindi nei processi di guarigione, riparazione e rigenerazione dei principali tessuti.
Per restituire a pazienti oncologici o traumatizzati un aspetto gradevole, invece, vengono in aiuto le più recenti tecniche di “allotrapianto”, grazie alle quali la magnifica mimica di un viso può essere recuperata attraverso le più raffinate tecniche di microchirurgia del volto.

Durante il Congresso, si celebreranno i 20 anni d’uso della tossina botulinica per uso estetico e i 50 anni delle protesi mammarie che nella loro affascinante storia hanno conquistato un posto d’onore con 150.000 interventi l’anno in Europa e circa 280.000 negli Stati Uniti.

Un ampio capitolo sarà dedicato al “lipofilling” ossia al trapianto del proprio tessuto adiposo in altri distretti corporei come il volto, per aumentarne i volumi, o il seno per un riempimento “ecologico” di cui si sta parlando molto negli ultimi tempi.

Un approfondimento verrà dedicato al problema dell’obesità, vera patologia ormai a diffusione epidemica (1 miliardo di adulti sovrappeso e 300 milioni di obesi nel mondo). La chirurgia plastica può intervenire sia come atto terapeutico iniziale sia a completamento di un iter multidisciplinare: in questo caso il ruolo del chirurgo plastico consiste nell’effettuare un rimodellamento corporeo (Body Contouring).

Un ultimo aspetto riguarda la cura delle ustioni e degli esiti cicatriziali. Molti soci SICPRE sono impegnati in missioni umanitarie, ed in particolare il progetto Interplast mira a restituire un volto alle donne sfigurate dall’acido, una pratica comune come “punizione” da parte di padri e mariti in alcuni paesi asiatici.

Articoli correlati

Rispondi