Stipsi da farmaci

stipsi

L’attività motoria del colon si divide in segmentante e propagata. La prima è finalizzata a miscelare il contenuto mentre la seconda sposta in avanti il contenuto nel lume. Il controllo del sistema nervoso è garantito dall’innervazione estrinseca ad opera del sistema nervoso autonomo con azione modulante e da un sistema intrinseco rappresentato dal sistema nervoso enterico situato sotto la mucosa intestinale.

I principali neurotrasmettitori utilizzati dal sistema autonomo nel controllo della motilità colica sono l’acetilcolina con funzione eccitatoria, il peptide intestinale vasoattivo e l’ossido nitrico con attività inibitoria e la serotonina che legandosi a recettori diversi sembra modulare l’attività motoria regolarizzando la peristalsi.

I farmaci agiscono riducendo il tempo di transito sia con meccanismi intraluminali che interferendo con i neurotrasmettitori o recettori a vari livelli. Alcuni farmaci quindi hanno un effetto stiptizzante e la loro assunzione può causare stipsi occasionale o cronica, come nel caso di oppioidi per la terapia del dolore, terapia antiemetica chemioterapica, antiacidi come l’idrossido di alluminio e il ferro.

Articoli correlati

Rispondi