Schistosoma haematobium e cancro alla vescica

Schistosoma haematobium

Lo Schistosoma haematobium è parassita dell’uomo in grado di causare diversi danni ai tessuti, in particolare in quelli del tratto urinario, dove depone le uova, causando infiammazioni che possono evolvere in cancro. Nei paesi africani, dove la parassitosi è endemica, infatti, il cancro alla vescica è molto diffuso risultando secondo solo a quello della mammella. L’esistenza di un legame diretto tra l’infezione da Schistosoma heamatobium ed il cancro alla vescica è stata da poco confermata da due studi condotti dagli scienziati dell’Istituto Nazionale della Salute e dell’istituto di Patologia e Immunologia Molecolare dell’università di Porto.

Nel corso della prima serie di esperimenti i ricercatori hanno aggiunto estratti cellulari di Schistosoma haematobium a colture di cellule epiteliali che, a seguito dell’esposizione, assumevano due tipiche caratteristiche delle cellule cancerose; la capacità di replicarsi velocemente e l’elevata motilità. L’indagine molecolare ha evidenziato in queste cellule una diminuzione della molecola p27, che agisce come soppressore tumorale, ed un aumento di bcl-2, una proteina coinvolta nella regolazione della divisone e della morte cellulare, la cui sovrapproduzione è riscontrabile in diversi tipi di tumori maligni. Nel secondo studio gli scienziati hanno iniettato le cellule trasformate sotto la cute dei topi, osservando dopo poco tempo la presenza di sarcomi, ossia di tumori del tessuto connettivo. Negli animali in cui erano state iniettate cellule non esposte alle sostanze estratte dal parassita, invece non sviluppava nessuna forma di cancro

Quale sia il meccanismo attraverso il quale lo S. heamatobium induca la trasformazione tumorale non è noto, ma un’ipotesi veritiera è quella secondo la quale durante il processo dell’infiammazione, dovuto alla presenza del parassita, possano essere prodotte sostanze tossiche con azione cancerogena. Questo principio potrebbe valere anche per altri agenti noti per la loro capacità di causare cancro, come il Papilloma virus o l’Helicobacter pylori. Il protocollo degli scienziati portoghesi può essere dunque applicato anche per altri sudi, in quanto rappresenta un approccio semplice ed efficace per scoprire le associazioni tra parassiti e l’insorgenza di tumori maligni

DA: Schistosoma haematobium total antigen induces increased proliferation, migration and invasion, and decreases apoptosis of normal epithelial cells . Mónica Botelhoa b, , António Carlos Ferreirab, Maria José Oliveirab, Afonso Dominguesc, José Carlos Machadob, d and José Manuel Correia da Costaa International Journal of Experimental Pathology Volume 90 Issue 4, Pages 448 – 453 Published Online: 20 Jul 2009
Tumourigenic effect of Schistosoma haematobium total antigen in mammalian cells. Botelho, Monica; Oliveira, Paula; Gomes, Joana1; Gartner, Fatima; Lopes, Carlos; Correia da Costa, Jose Manuel2; Machado, Jose Carlos. International Journal of Experimental Pathology, Volume 90, Number 4, August 2009 , pp. 448-453(6)

[foto Cup]

Articoli correlati

Una risposta a “Schistosoma haematobium e cancro alla vescica”

  1. Phuket snorkling scrive:

    Phuket snorkling

    Schistosoma haematobium e cancro alla vescica – BioBlog

Rispondi