Godiamoci l’estate

estate mare

Finalmente arrivano le tanto sospirate vacanze: si può dormire fino a tardi, si può mangiare anche in orari non prestabiliti, si può uscire tutte le sere ,  fare le ore piccole e casomai alzare anche un po’ il gomito con l’alcool. Ma in questo modo la vacanza può trasformarsi in un’altra fonte di stress, diventa  uno “stacco della spina” che ci fa sentire malissimo al rientro in città. Dopo, infatti riacquisire le solite abitudini e gli orari di routine diventa una tortura.

Per aiutarci a fare vacanze rigeneranti e capaci davvero di dare riposo, arrivano i “dieci comandamenti” di Rosario Sorrentino, neurologo direttore dell’Ircap (Istituto di ricerca e cura per gli attacchi di panico) alla casa di cura Pio XI di Roma.

1) Mantenere il ritmo e la regolarità per il riposo e il risveglio, rispettando gi orari consueti;

2) Evitare le abbuffate di sonno al di fuori degli orari prestabiliti;

3) Privilegiare le attività socializzanti perché favoriscono la nascita di nuovi interessi, emozioni e nuove amicizie che rappresentano uno stimolo per il nostro cervello;

4) Abolire gli eccessi alcolici e alimentari, soprattutto nelle ore serali, perché provocano i risvegli notturni alterando la qualità del sonno;

5) Svolgere attività fisica modderata possibilmente al mattino nelle ore più fresche della giornata, perché è il momento migliore per smaltire lo stress;

6) Favorire le attività mentali che stimolano e aiutano il rilassamento, come la lettura o ascolatare musica o giocare con gli altri;

7) Sottrarsi ai conflitti o alla resa dei conti in ambito familiare, affettivo, relazionale;

8 ) Ragionare su idee e progetti futuri, perché stimola il cervello creativo;

9) Promovere il dialogo con le persone, perché migliora l’umore e la comprensione reciproca combattendo l’isolamento e la solitudine;

10) Mantenere il contatto con persone più amate dalle quali si è allontanati per le vacanze estive.

Articoli correlati

Una risposta a “Godiamoci l’estate”

  1. de bocca patrizia scrive:

    Arriva dalla Russia una nuova arma contro l’impotenza.

    Milano:arriva in Italia l’uroanal previene il cancro alla prostata e restituisce la virilita’.

    09/07/2009 –

    Da recenti studi Russi effettuati dalla facolta’ di urologia di S.Pietroburgo, l’uso costante di una particolare sonda rettale ( vibrante) denominata uroanal previene il cancro alla prostata e resituisce la virilita’ agli anziani senza uso di farmaci.
    L’ideatore dell’uroanal il dott Christo Petrov in una nota afferma: da attente ricerche sugli apparati genitali degli omosessuali ( ricerche durate un ventennio) che praticavano regolarmente il sesso anale almeno due volte a settimana ,mi sono reso conto da indagini ecografiche che i soggetti sottoposti alla ricerca, anche in eta’ matura presentavano delle prostate giovani e la loro sessualita’ non risentiva del tempo.L’ipotesi di ricerca partiva dal fatto che l’elisir gi giovinezza delle prostate dei volontari che partecipavano all’esperimento fosse la pratica regolare del sesso anale.Insieme ai miei collaboratori ho realizzato un particolare ausilio rettale denominato uroanal e ho sottoposto volontari non omosessuali ( over 60) a sedute di questa metodica rilevando notevoli miglioramenti sulla loro sessualità e una notevole riduzione del rischio di contrarre il cancro alla prostata.
    Il marchese Roberto Caldirola noto esportatore di vini Italiani in Russia e’ uno dei volontari che ha partecipato alla ricerca ci riporta una breve nota della sua esperienza: ho settantasette anni e l’idea di usare un oggetto del genere che mi ricordava una forma fallica non e’ che mi stuzzicasse molto , ma dopo ripetuti ed insistenti inviti della mia compagna di molto piu’ giovane di me a trovare una soluzione alla mia decadenza sessuale ho vinto le riserve e ora ne sono felice i miei rapporti sono tornati ai 20 anni di eta’ delle volte riesco anche ad avere tre rapporti in una notte.

Rispondi