Influenza Messicana e se fosse colpa di un virus di laboratorio?

influenza messicanaQuella che per alcune settimane è stata chiamata influenza suina e che ha scatenato la psicosi contro i maiali considerati veicolo della malattia, ha poi cambiato nome in Influenza A, poi denominata influenza messicana.

Il virus A/H1N1 è partito dal Messico, finora ha infettato più di 5000 persone, (nove i casi in Italia), 61 le vittime nel mondo.

Eppure A/H1N1 non è partito dai maiali, non avrebbe avuto nulla a che fare con l’uomo se non fosse stato l’uomo stesso a crearlo per errore in laboratorio, Adrian Gibbs, un virologo ormai in pensione ha avanzato questa ipotesi un po’ scomoda, ancora da verificare e che non è ancora stata avvalorata dagli scienziati.

Il virus responsabile dell’influenza messicana sarebbe stato coltivato secondo procedura normale di labotatorio nelle uova, il virus sarebbe sfuggito al controllo dei ricercatori.

Ciò che ha insospettito il virologo è stata la velocità di diffusione del virus che a avrebbe eseguito troppo velocemente rispetto a un normale virus che si trasmette dall’animale all’uomo, una mutazione genetica. Non si esclude un’eventuale mutazione che possa scatenare un’epidemia influenzale piuttosto violenta in inverno.

L’organizzazione Mondiale della Sanità ha avviato un’indagine.

Articoli correlati

2 Risposte a “Influenza Messicana e se fosse colpa di un virus di laboratorio?”

  1. James scrive:

    questa teoria mi sembra la piu fondata, visto e considerato che le malattie piu potenti che per anni hanno fatto strage di esseri umani, tipo tubercolosi, colera ed altre malattie infettive del tipo mortale sono state eleminate del tutto…e solo in quei paesi dove la popolazione non è in grado di pagare i farmaci queste malattie ancora sussistono. Nei paesi sviluppati dove in campo farmaceutico non c’è piu nulla da fare o meglio da vendere..si deve pensare a creare una nuova forma di “ammalare” gli esseri umani…ma credo che questa volta abbiano proprio esagerato

  2. katia scrive:

    Concordo, la penso anche io come te.

Rispondi