L’epidemia non si arresta e intanto cambia nome!

nuova influenza suina

Pare che H1N1, il virus responsabile dell’influenza suina, da oggi “Nuova influenza“, non voglia proprio saperne di smettere di contagiare le persone, salgono a 160 i morti, uno di questi è un bimbo di 23 mesi, il primo a morire negli USA dopo essere stato trasportato lì direttamente dal Messico.

Il virus è arrivato anche in Europa, in Belgio, Grecia, Irlanda, Svezia ci sono diversi casi sospetti dei quali solo  20 sono stati confermati di cui 10 in Spagna e 3 in Germania. A tutt’oggi sono stati accertati 114 casi di contagio, il virus stranamente colpisce persone giovani dai 20 ai 50anni, a differenza delle normali influenze che colpiscono prevalentemente bambini e anziani.

In USA programmato lo stato di emergenza sanitaria, si tenta in ogni modo di scongiurare la pandemia, si valuta la possibilità di far salire l’emergenza a livello 5 su una scala di 6. La Francia vuole sospendere i voli verso il Messico e s’appella all’Unione Europea, ma per ora nessuna imposizione, ci si affida al buon senso della popolazione.

In Italia sono 20 i casi spospetti ma nessuna conferma, il Corriere della Sera afferma che al Policlinico San Matteo di Pavia è stata riscontrata in un paziente, di ritorno dalla california, un’infezione da H1N1 diversa però da quella sviluppatasi in Messico.

In Italia non sembra esserci pericolo, il ministro Fazio dice che siamo pronti per ogni evenienza.

Due sono i dubbi che assillano gli italiani, è davvero tutto sotto controllo e l’epidemia è semplicemente un’epidemia mediatica, oppure si tenta come sempre di non fare terrorismo psicologico?

La “Nuova Febbre” così chiamata perchè pare che c’entri davvero poco con i maiali -al massimo è partita da essi, ma pare si sia evoluta e sia diventata un’influenza umana-presenta sintomi che assomligliano in tutto e per tutto a quelli di un’influenza normale

  • Febbre alta e improvvisa
  • Tosse
  • Dolori articolari

Se dopo 4 o 5 giorni la febbre persiste è opportuno recarsi in ospedale per fare dei controlli, l’influenza è curabile con gli antivirali oseltamivir e zanamivir.

Articoli correlati

2 Risposte a “L’epidemia non si arresta e intanto cambia nome!”

  1. moises scrive:

    Qui potete trovare una mappa con informazioni sui paesi che sono sospettate di avere casi di H1N1
    http://www.up2maps.net/report/Julius/World/h1n1_swine_flu_infected_and_possible_infected.html

  2. Mappa dell’influenza suina H1N1 - BioBlog scrive:

    […] mondiale. Per ora in Italia non ci sono casi ufficiali di influenza suina, anche se rimane il sospetto di 20 casi (nella mappa infatti l’Italia risulta rischio […]

Rispondi