Clownterapia per i bambini d’Abruzzo

clown abruzzo terremoto

Nel giorno dei funerali Solenni di Stato a L’Aquila, parlare di un clown col naso rosso, che si aggira per le tende dei campi di soccorso abruzzesi per offrire il proprio aiuto e sostegno ai bambini vittime del terremoto, può sembrare fuori luogo, ma per Francis Calsolaro è una cosa seria.

Francis è un terapista, un terapista vero che si veste da clown e fa cose da clown per far ridere i bambini e far si, che attraverso la risata, i più giovani riescano in qualche modo a lasciarsi dietro i brutti ricordi e ritornare a vivere con quella spensieratezza tipica della giovane età.

«Quando siamo arrivati al campo – ha detto Federica Marinacci – l’atmosfera era molto triste e dappertutto regnava il silenzio. Poi i bambini ci hanno visto e hanno cominciato a sorridere. Una risata che ha contagiato anche le mamme».

«Faremo – spiega Mario Tallarico, della Federazione Nazionale Clowndottori – un intervento di clownterapia in emergenza, utilizzeremo tecniche contro la paura. Interverremo per contenere la paura e trasformarla in un’emozione positiva».
Da martedì 7 aprile, quindi a un solo giorno dalla catastrofe, è attivo un gruppo di almeno 15 clowndottori, fra i quali psicologi e medici volontari, che col sorriso e la risata possono trasformare in un fatto positivo il dolore e la paura che stanno vivendo i bambini.

[via benessereblog | foto Repubblica.it]

Articoli correlati

Rispondi