2.0: a che punto siamo?

web 2.0 salute

Nonostante molti esperti del settore ne abbiano già decretato la morte e si siano preparati ad accogliere a braccia aperte il web 3.0, i siti web basati sulla filosofia e tecnologia 2.0 è in continua crescita. Tra questi ve ne sono innumerevoli dedicati alla salute ed alla ricerca biomedica.

Alcuni di questi sono già stati citati in passato, come ad esempio medpedia.com o medgle.com che anno continuato a crescere in maniera vertiginosa.

In tutta questa galassia si troviamo alcuni casi singolari come quello di curetogether.com, community composta da persone comuni e da specialisti che è stata in grado di raccogliere un significativo numero di informazioni che sono state raccolte in un libro sulla vulvodinia, una dolorosa condizione che provoca dolore vulvo-vestibolare.

Tutte le persone presentano particolari anatomici unici e le diverse patologie si possono presentare con sfumature diverse. Per questo motivo sono nati siti come webpax.com, che permettono di condividere con il mondo intero le proprie immagini cliniche che esse siano ecografie, risonanze magnetiche… Questo per ottenere un grande database mondiale e non per violare la privacy dei cittadini.

Il 2.0 ha messo piede anche nella didattica, almeno questo è quello che accade nei paesi anglosassoni e del nord Europa. Un esempio rappresentativo è senza dubbio meducation.net. Il sito raggruppa un cospicuo numero di studenti che cooperano mettendo a disposizione materiale didattico estremamente interessate (video, presentazioni, immagini ecc.).

Parrallelamente, esistono community che raggruppano medici (doctrs.com) o scienziati (biocrowd.com).

Internet, ed in particolare il web 2.0, si rivela essere molto importante per propagare la comunicazione scientifica. Muovendosi però in questa ragnatela bisogna sempre essere cauti, soprattutto per quanto riguarda i propri dati clinici, non si può mai avere la certezza su chi o cosa si nasconda dietro ad un nikname.

Questi sono solo alcuni esempi e, se lo volete, potete completare l’elenco lasciando un link nei commenti.

[Immagine bensheldon]

Articoli correlati

Rispondi