Il cavolo? Un potente anticancro

Era il 1940 ed il dott. Cheney a Stanford scoprì nel cavolo una proprietà antiulcera efficacissima, somministrò infatti a 50 pazienti sofferenti di ulcera duodenale  il succo fresco di cavolo ottenendo la guarigione di 47 pazienti sul totale. Successivamente si scoprì che essi possedevano  elementi in grado di stimolare la produzione di cellule del sistema immunitario.

Intorno agli anni ottanta sono state scoperte importanti proprietà anticancro di questi ortaggi, difatti un monitoraggio eseguito su pazienti, grandi fumatori, a rischio di cancro al polmone, ha evidenziato che un’alimentazione ricca di alimenti come cavoli, broccoli ed affini, aveva un effetto protettivo nell’insorgenza del cancro alle vie respiratorie.  Ma a cosa è dovuta l’azione protettiva di questi ortaggi? E’ data dalla presenza di flavoni e glucosidi in grado di minimizzare l’effetto dei radicali liberi sull’invecchiamento cellulare e di prevenire l’infiammazione.

Alcuni elementi importanti contenuti in essi sono i fitoestrogeni,  ormoni vegetali che esplicano un’azione protettiva ed antagonista agli estrogeni, i quali sono fautori di una proliferazione cellulare maggiore. Il centro tedesco di ricerca sul cancro di Heidelberg ha rivelato una recente scoperta, quella della presenza nei cavoli ed affini del sulforafano, una sostanza che introdotta in provetta ha mostrato proprietà anticancro, infatti era in grado di distruggere le cellule tumorali. In particolare la sua azione si è osservata nei confronti delle cellule pancreatiche.

[foto wikipedia]

Articoli correlati

Una risposta a “Il cavolo? Un potente anticancro”

  1. Il cavolo? Un potente anticancro - BioBlog scrive:

    […] Articolo completo fonte: Il cavolo? Un potente anticancro – BioBlog […]

Rispondi