HIV e autoreplicazione

hiv

Gli studi per trovare un vaccino e nuove terapie contro l’HIV si basano sulla conoscenza del ciclo del vitale del virus. L’HIV invade le cellule ospiti e ordina ai meccanismi cellulari di creare nuove copie di se stesso.
In primo luogo una proteina del virus detta involucro, o envelope, si deve legare alla proteine CD4 e CCR5 sulla superficie delle cellule.

In seguito alla fusione con la cellula, il virus riversa il proprio contenuto nel citoplasma. Un enzima virale, la trascrittasi, copia il genoma a RNA del virus in DNA a doppia elica, commettendo spesso errori che generano diversità tra le copie del virus.

Un altro enzima virale, l’intregrasi, inserisce la copia del DNA ospite. I meccanismi cellulari trascrivono i geni virali, producendo nuovo RNA, tra cui lo stampo per le proteine, che migra verso il citoplasma, dove i ribosomi producono le proteine codificate.

L’RNA e le proteine virali si muovono quindi verso la membrana cellulare, dove si riuniscono in una particella virale in gemmazione. Nella nuova copia immatura del virus, la proteasi, un enzima dell’HIV modifica le catene proteiche virali, consentendo alle particelle, o virioni, di maturare in una forma pronta a infettare una nuova cellula.

Articoli correlati

Rispondi