Cronologia anti-HIV

virus aids

Nell’ultimo decennio pochissimi vaccini candidati sono arrivati alla fase del trial clinico su larga scala. Finora i metodi tradizionali per indurre gli anticorpi o mobilitare le cellule T non hanno portato a un vaccino in grado di proteggere dall’AIDS.

Alla luce di questi fallimenti, il National Institute of Allergy and Infectious Diseases ha annunciato che sposterà le risorse sulla ricerca di base. Di seguito, divise in ordine di data, alcune delle tappe salienti della storia della ricerca contro l’HIV.

1984: il 23 aprile Margaret Heckler segretaria del Dipartimento della salute statunitense, e Robert Gallo, del National Cancer Institute, annunciano la scoperta di un virus responsabiloe dell’AIDS. La Heckler afferma che entro due anni potrebbe essere pronto un vaccino per la sperimentazione.
1998: l’AIDSVAX, prodotto dalla VaxGen, è il primo vaccino ad arrivare alla fase III di un trial clinico. Ma nel 2003, dopo varie sperimentazioni internazionali, ne viene dichiarato il fallimento, perchè l’AIDSVAX non proteggeva dall’infezione più di quanto facesse un farmaco placebo.

2003: USA e Thailandia lanciano un trial di vasta portata di un vaccino progettato per stimolare la risposta delle cellule T alla glicoproteina dell’involucro innescando il sistema immunitario con il virus del vaiolo aviario. Molti ricercatori si oppongono alla decisione perchè studi meno estesi hanno mostrato solo una debole risposta al vaccino. I risultati finali sono attesi nel 2009.

2004: il trial STEP della Merck sperimenta un vaccino che include tre geni dell’HIV nel virus del raffreddore Ad5. Progettato anch’esso per stimolare le cellule T, il vaccino genera una forte risposta immunitaria nei soggetti. Ma nel 2007 il trial viene cancellato, perchè i vaccinati si erano infettati in numero maggiore rispetto a chi aveva assunto un placebo. L’analisi dei motivi del fallimento è in corso.

2008: il trial internazionale di un vaccino che usava geni HIV impacchettati in DNA nudo, seguito dall’Ad5, il cui avvio era previsto a settembre, è stato cancellato a giugno dal presidente dell’NIAD, Anthony Fauci. Il PAVE 100 avrebbe coinvolto 2400 uomini, ma le risposte immunitarie prodotte dal vaccino in test più limitati non erano sostanzialmente diverse da quelle prodotte dal vaccino Merck, e Fauci ha dichiarato ingiustificata l’estensione della sperimentazione.

Articoli correlati

Rispondi