Miglior scoperta 2008

cellule staminali riprogrammate adulte

Secondo l’autorevole rivista Science, la miglior scoperta 2008 per la medicina è la possibilità di riprogrammare le cellule staminali adulte per farle regredire allo stadio embrionale. Così facendo gli scienziati sono potenzialmente in grado di ricreare tutti i tessuti del corpo umano così come si sta già facendo con le embrionali.

Questo tipo di staminali ricreate in laboratorio hanno interessato gli scienziati di tutto il mondo sia per la loro capacità che per l’origine: in questo modo, infatti, non c’è alcun problema di carattere etico perché le implicazioni rappresentate dalle embrionali sono assenti.

La possibilità di riprogrammare le cellule in realtà risale a ben due anni fa, quando in una serie di esperimenti condotti sui topi, i ricercatori mostrarono che era possibile cancellare la memoria dello sviluppo di una cellula, inserendo quattro geni. Una volta tornate allo stadio embrionale, le cellule potevano essere trasformate in tipi completamente differenti.

Quest’anno, un’équipe di ricerca ha prelevato da un paziente malato alcune cellule e le ha riprogrammate in staminali. Le cellule trasformate sono sopravvissute in laboratorio e si sono divise, a differenza della maggior parte delle cellule adulte che non sopravvivono facilmente in coltura. Alle cellule, poi, è stata fatta assumere una diversa identità, come quella delle cellule maggiormente malate del paziente donatore. Un altro gruppo di ricerca, lavorando su cellule di topo, è riuscito a trasformare un tipo di cellule mature del pancreas, le esocrine, in un tipo completamente diverso: cellule beta.

Articoli correlati

Rispondi