Sindrome di Melas

Ci ha contattati oggi il signor Giuliano, padre di una bimba affetta da una malattia rara, nota col nome di sindrome di Melas. Pubblico la sua email, sperando che qualche persona informata possa aiutarlo.

Salve,

Sono il papà di una bambina di undici anni (Benedetta) sanissima fino ai sette.

Poi nel dicembre del 2003 i primi sintomi di quella che si rileverà una malattia rara che nel giro di sei mesi porterà mia figlia ad essere invalida al 100%, malattia mitocondriale, più specificatamente sindrome MELAS.


Ora vi scrivo questa mail innanzitutto per farvi i complimenti per il sito -il mio preferito- e poi per chiedervi se fosse possibile avere qualche notizia su eventuali novità per queste malattie, notizie da ricercarsi eventualmente su siti esteri (USA). Questo perché qualsiasi informazione possa essere utile non solo a me, ma anche alle altre famiglie di ammalati mitocondriali a cui io ho consigliato il vostro bellissimo sito.

A tal proposito vorrei altresì chiedervi di dare uno sguardo alla nostra associazione: MITOCON nata l’anno scorso con l’appoggio (non ancora finanziario, ma logistico) di TELETHON.

La sindrome di Melas (encefalomiopatia mitocondriale con acidosi lattica ed episodi simili ad ictus) è una patologia progressiva caratterizzata da disturbi neurologici acuti paragonabili ad ischemie cerebrali, associati ad iperlactatemia e miopatia mitocondriale. La prevalenza è sconosciuta. Durante l’infanzia o la prima adolescenza, i pazienti sono soggetti di solito a crisi acute, forse causate da un’infezione o da uno sforzo fisico. Queste crisi si associano a cefalee, vomito e a volte ad episodi pseudo-ischemici, emiparesi ed emianopsia. Si manifestano spesso in pazienti con sintomi cronici come deficit motorio, sordità, diabete, bassa statura, cardiomiopatia, ritardo dello sviluppo, difficoltà di apprendimento, di memoria e di attenzione.

[maggiori informazioni]

Articoli correlati

5 Risposte a “Sindrome di Melas”

  1. Dr. Leo scrive:

    L’unico suggerimento che posso dare è di contattare l’Iss dove ci sono molte persone che lavorano sulle malattie rare

  2. Dr. Leo scrive:

    La direttrice mi pare che si chiami Domenica Taruscio

  3. valeria gatopoulos scrive:

    le consiglio di visitare questo sito in inglese e di leggere i vari links, magari non le sarà d’aiuto, ma ci sono parecchie informazioni.
    Spere d’esserle stata utile.

  4. alberto scrive:

    messaggio a valeria gatopoulos:
    per favore puoi scrivere il ilnk al sito inglese di cui parli?

  5. vanessa scrive:

    sta per essere diagnosticata la stessa patologia a nostro figlio di soli undici mesi . Vorremmo contattare la famiglia di Giulio al più presto . Per un confronto diretto non solo sul lato pratico ma soprattutto morale. Grazie
    . Vanessa

Rispondi