Microsensore nelle pillole

sensore pillole

Proteus Biomedical, un’azienda biotecnologica di Redwood City, California, è stata selezionata dal World Technology Forum per aver prodotto un interessante prodotto, in grado di rivoluzionare -almeno in parte- l’attuale medicina

L’azienda ha sviluppato MEMS (Micro-Electro-Medical Devices), un dispositivo per applicazioni mediche sufficientemente piccolo per essere inserito in una pillola e impiegato come marker ingeribile. Il fine ultimo è quello di ingoiare in modo permanente una “pillola ingegnerizzata” per misurare ad esempio i livelli di glucosio nel sangue.
MEMS è definito come “ingestible event marker” (IEM) e consiste in un piccolissimo microchip (grande quanto un granello di sabbia) equipaggiato con una batteria a film non tossica.

«In questo modo – afferma Andrew Thompson, CEO e co-fondatore della Proteus – un paziente può monitorare dettagliatamente il farmaco assunto e come il proprio organismo sta rispondendo alla cura».

Articoli correlati

Rispondi