Le lenti correttive, tutti le usiamo, ma come funzionano?

Lenti a contatto colorateLa vista o meglio l’acutezza visiva viene misurata in decimi, per tanto dopo un esame di controllo la vostra vista può risultare:

  • Perfetta: 10/10
  • Migliore: vostro risultato  > 10
  • Inferiore: vostro risultato < 10

Ora se la vostra vista è perfetta, è ovvio che non avrete alcun bisogno di lenti correttive, ma se la vostra vista risultasse in qualche modo difettosa allora dovreste ricorrere alle lenti correttive.

I difetti principali della vista sono tre:

  1. Astigmatismo: la cornea o il cristallino non presentano una curvatura regolare, ciò implica una conversione inesatta dei raggi luminosi che non convergendo in maniera uniforme non creano un unico fuoco, ma convergono in più punti della retina creando un’immagine sfocata. (Stiamo parlando del luogo comune di dire non vedo da vicino)
  2. Miopia: il punto di convergenza dei raggi luminosi, punto focale non si trova sulla retina, gli oggetti lontani quindi non vengono visti bene, sono sfocati. (Equivale al quotidiano modo di dire non vedo da lontano)
  3. Ipermetropia: È l’opposto della miopia, la focalizzazione degli oggetti avviene oltre la retina e ciò è dovuto all’occhio che risulta essere più “corto” del normale.  (Non ci si vede bene nè da lontano nè da vicino) E’ necessario precisare che la presbiopia è un altro tipo di ipermetropia, un difetto comune, specie tra gli anziani e gli adulti. L’occhio si affatica, il cristallino diventa meno elastico e quindi la focalizzazione è più difficoltosa, si cominciano a portare gli occhiali per poter leggere.

 Quali sono le lenti correttive adatte?

Inanzittutto il ruolo della lente è quello di riportare una focalizzazione corretta sulla retina.

Nel caso della miopia le lenti correttive sono divergenti, nel caso dell’ipermetropia le lenti hanno il compito di far convergere i raggi luminosi prima che questi giungano all’occhio, nel caso dell’astigmatismo le lenti sono lenti asimmetrice e compensano l’asimmetria dell’occhio.

Sarebbe bene controllare la vista una volta l’anno.

Articoli correlati

Rispondi