Morphormics per CyberKnife

rendering cyberknife Morphormics tumori

La Morphormics, una start-up della University of North Carolina a Chapel Hill, sta collaborando con Accuray Incorporated, un produttore di sistemi di radiochirurgia robotizzata, per sviluppare una tecnologia in grado di rilevare i contorni di strutture tridimensionali nella prostata.

Il CyberKnife (vedi in foto) può operare su tumori in qualsiasi parte del corpo con precisione millimetrica.
Morphormics autocontouring technology individua automaticamente e disegna i “bordi” della prostata e identifica strutture anomale (tumori) circostanti per permettere un trattamento maggiormente concentrato sul target per ridurre la dose -non utile- alle strutture sane.

In molti casi la pianificazione del trattamento con radiazioni per il cancro alla prostata si basa su volumi disegnati manualmente attraverso l’impiego di immagini CT. Così facendo si tende a sovrastimare (volumi maggiori) le strutture tumorali per garantire un’adeguata copertura della prostata, ma questo aumenta i rischi di complicazioni per le regioni circostanti, come il retto, la vescica e l’uretra.

Il processo della creazione del volume da trattare avviene tramite l’identificazione manuale di alcuni punti sulla superficie dell’organo per milgiorare l’elaborazione; tale processo potrebbe essere automatizzato, ma i risultati sono peggiori.
Successivamente un algoritmo automatico esegue la segmentazione, operazione che richiede circa 1-2 minuti di tempo di calcolo.
I contorni 2D ottenuti dalla segmentazione vengono intersecati per ottenere un volume 3D (volume verde nella foto).

[maggiori informazioni]

Articoli correlati

Una risposta a “Morphormics per CyberKnife”

  1. Dr. Leo scrive:

    è chiaro che in questo campo ci si debba rivolgere sempre più all’automatizzazione..

Rispondi