Fili autoassemblanti

John TovarI ricercatori della Johns Hopkins University hanno sviluppato un materiale organico solubile in acqua che si auto-assembla in fili dal diametro 10mila volte inferiore ai capelli umani.

«La cosa eccitante sul nostro materiale è proprio la dimensione alla portata delle cellule, il che si traduce con la possibilità di utilizzarlo in applicazioni biomediche», ha affermato John D. Tovar, un assistente del Dipartimento di Chimica al Zanvyl Krieger la Scuola delle Arti e della Scienza.

«Possiamo utilizzare questi materiali per guidare la corrente elettrica su scala nanometrica? Possiamo utilizzarli per regolare cellula a cellula le comunicazioni fino a riorganizzazione le reti neurali o riparare il midollo spinale danneggiato? Queste sono solo alcune delle domande che sono ansioso di poter rispondere nei prossimi anni», ha concluso Zanvyl.

[maggiori informazioni]

Articoli correlati

Rispondi