Nuova tecnica di imaging per visualizzare il cervello

Al Massachusetts General Hospital di Boston alcuni ricercatori hanno affinato una tecnica basata sulla risonanza magnetica, chiamata “immagine a spettro di diffusione”, che serve a creare figure tridimensionali del cervello umano e animale, proprio come visibile nell’immagine qui sopra.

MIT Technology Review lo spiega con estremo dettaglio. Il segnale MRI traccia il movimento delle molecole d’acqua che stazionano nel cervello: la diffusione avviene attraverso gli assoni dei neuroni, quindi riuscire a rappresentare questi percorsi significa mostrare con esattezza estrema la loro posizione e il loro intreccio.

Se questo sembra più un dettaglio qualitativo, dal lato medico i radiologi ritengono questa tecnica importante perché, con il suo apporto, è possibile operare per rimuovere tumori al cervello, sapendo con certezza dove e cosa si interromperebbe nella trasmissione dei segnali; inoltre potremmo scoprire qualcosa di più sulle strutture che stanno dietro alla vista, alla parola e al ricordo, senza considerare casi patologici come la schizofrenia e l’autismo.

Qui di seguito è visibile l’immagine MRI costruita con la tecnica degli scienziati del Massachusetts General Hospital di un cervello umano sano:

[via medgadget]

Articoli correlati

Rispondi