Nanoparticelle individuano il cancro

nanoparticelle di oro cancroIl team di Shouheng Sun, chimico della Brown University, ha prodotto delle nanoparticelle di ossido di ferro ricoperte da una capsula peptidica capace di individuare cellule tumorali e renderle visibili alla risonanza magnetica quando la neoplasia si presenta ancora ad uno stadio precoce.

Le prime prove sono state condotte in topi portatori di un tumore cerebrale si sono rivelate estremamente promettenti. Il lavoro più difficile dei ricercatori è stato proprio progettare il rivestimento peptidico che deve avere le giuste dimensioni e uno spessore adeguato per legare la cellula tumorale.

La piccolissima dimensione della particella, con un diametro di 8,4 nanometri, la rende “invisibile” al sistema immunitario, evitando così di scatenare pericolose reazioni allergiche che possono avvenire con le sostanze di contraso oggi utilizzate.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul Journal of the American Chemical Society.

[foto]

Articoli correlati

Rispondi