Folding@Home: aiutare la ricerca con PC e PS3

Per poter contribuire alla ricerca medica e capire come si avvolgono e aggregano le proteine, e come possono insorgere alcune gravi malattie genetiche, da oggi si può condividere la propria potenza di calcolo, unendosi a più di 1 milione di persone in tutto il mondo, tramite il proprio PC o Playstation 3.

Il progetto computazionale, Folding@Home, è distribuito per lo studio degli avvolgimenti, delle dissociazioni ed aggregazioni delle proteine e delle loro relative incidenze sulle malattie. Questo sistema utilizza algoritmi computazionali avanzati, diffusi su larga scala, per simulare i comportamenti biochimici delle proteine, calcolati su tempi migliaia di volte più estesi di quelli considerati in passato.

Questo ha consentito di simulare la concatenazione delle proteine per la prima volta, e adesso permette di studiare le malattie legate alle mutazioni in questo processo biologico fondamentale.

Si può contribuire al progetto, scaricando e avviando il programma sul proprio PC o sulla nuova PS3. Gli algoritmi sono stati appositamente creati per lavorare con una grande rete di elaboratori geograficamente distribuiti, e incrementare notevolmente la potenza di calcolo.

Dal primo Ottobre 2000 oltre un milione di processori in tutto il mondo hanno contribuito al progetto Folding@Home (FAH). Altri calcolatori potrebbero aumentare il potere di elaborazione consentendo di risolvere dei problemi più complessi legati alle patologie rare e di ultimare le ricerche mediche e di genetica in corso in maniera più veloce, precisa, e clinicamente valida.

Articoli correlati

Rispondi