Preservativo a spirale e altre idee per chi ha difficoltà motorie

scatola preservativi spiro condom

Dolori articolari, mani e piedi deformati, edemi, la camminata che si fa incerta e le cose più semplici come prendere un bicchier d’acqua che diventano montagne da scalare. I 20 milioni di malati di artrite reumatoide nel mondo (350.000 solo in Italia) affrontano ogni giorno mille difficoltà nelle più semplici azioni quotidiane, dall’infilarsi le calze a raccogliere un oggetto per terra.

Oggi un progetto internazionale di design offre a questi pazienti una serie di oggetti che potrebbero agevolarli, presentati in anteprima al congresso Eular sulle malattie reumatiche a Parigi.

preservativo a spirale profilattico

Il più curioso è senz’altro Spiro Condom, il preservativo a spirale: confezione facile da aprire (un pacchetto sufficientemente largo da essere tenuto fermo con una mano mentre l’altra tira un anello), singolo preservativo semplice da estrarre, e soprattutto estrema facilità nell’indossarlo.

Lo stesso principio di semplificazione è stato applicato ad altri oggetti di uso comune come l’ombrello: un meccanismo di apertura a suo modo rivoluzionario che lo fa aprire dall’alto, con un semplice movimento, senza dover premere leve e levette.

preservativo a spirale pene

Il tutto è frutto della collaborazione di malati (delegazioni da tutta Europa), designer e medici, che nell’ambito del progetto “B-Me” hanno creato i prototipi di oggetti pronti all’uso ma anche accattivanti, non ausili per malati insomma ma moderni prodotti di design che può adoperare chiunque.

ombrello difficoltà motorie

«Le persone affette da artrite reumatoide – spiega Andrew Ostor, direttore dell’Unità di Ricerca clinica in Reumatologia all’Ospedale Addenbrooke’s di Cambridge – mi dicono quanto sia incredibilmente difficile svolgere anche le più semplici attività quotidiane come abbottonarsi una camicia, sedersi o alzarsi da una sedia o lavorare in cucina. Negli ultimi anni ci sono stati rapidi progressi, farmaci biologici innovativi che mirano a molecole e cellule specifiche sono ora a disposizione dei pazienti che non rispondono al trattamento convenzionale. L’utilizzo del design per aumentare la sensibilizzazione alla patologia – conclude – gestendo al contempo con successo la condizione mediante un trattamento medico innovativo, ci avvicina sempre più all’obiettivo di una vita indipendente per le persone affette da artrite reumatoide».

[maggiori informazioni]

Articoli correlati

Una risposta a “Preservativo a spirale e altre idee per chi ha difficoltà motorie”

  1. Barbara scrive:

    Scusate ma non capisco l’utilizzo di questo cosiddetto ‘preservativo a spirale’. Dal momento che non ci sono molte spiegazioni, mi domando: di che materiale è fatto? Qual’è la sua utilità, visto che non impedisce la fuoriuscita del seme, nè la sua raccolta in un contenitore e infine, dove andrebbe inserito il pene, eventualmente rivestito di questo strumento nel caso fosse fatto di metallo???? L’immagine, senza adeguate descrizioni a contorno, mi rimanda alquanto all’idea di un antico strumento di tortura….
    saluti
    Barbara

Rispondi