Esami del sangue con gli insetti

insetti esame sangue prelievo

I Reduvidi, insetti ematofagi (ovvero quelli che si nutrono di sangue praticando delle punture, in inglese chiamati “kissing bugs”), sono stati impiegati con successo in un progetto pilota presso uno zoo di animali per effettuare dei prelievi di sangue.

Rispetto al normale esame del sangue, spiegano gli scienziati, il dolore e lo stress provato dagli animale è decisamente inferiore, quasi impercettibile, grazie alla presenza di enzimi che agiscono come antidolorifici sulla cute. Dopo circa una decina di minuti gli insetti vengono recuperati dall’operatore e uccisi per aspirare il sangue.

In futuro tale tecnica potrebbe forse essere estesa all’uomo, in particolar modo a tutte quelle persone che non eseguono gli esami del sangue per paura dell’ago.
L’unico problema da risolvere è che se una persona è agofobica, per quale motivo non dovrebbe aver paura anche degli insetti?

Articoli correlati

Una risposta a “Esami del sangue con gli insetti”

  1. Annalisa scrive:

    ….effettivamente non so cosa sia peggio…

Rispondi