Esercizi per modificare la struttura e la funzionalità cardiaca

Ecocolor Doppler Cardiaco

La maggior parte di ciò che sappiamo sui cambiamenti cardiaci negli atleti e nelle persone fisicamente attive deriva da “istantanee” prese in uno specifico arco di tempo. “Quello che è stato fatto in questa prima fase di studio è stato quello di seguire gli atleti in diversi mesi per determinare in che modo il processo di allenamento effettivamente causa cambiamenti”, spiega il Dr. Aaron Baggish, MD, responsabile della Divisione di Cardiologia del MGH e autore principale dello studio.

Il principale obiettivo è stato quello di studiare come un esercizio modifica il cuore nel corso del tempo, i ricercatori del MGH hanno studiato due gruppi di studenti atleti iscritti ad Harvard dall’inizio del 2006. Un gruppo era composto da atleti di resistenza, 20 maschi e 20 femmine vogatori, e un gruppo composto da atleti di forza, 35 di sesso maschile calciatori. Gli atleti sono stati studiati durante il loro normale allenamento, ponendo l’accento sul modo in cui il cuore si adatta ad una stagione di competizioni di atletica leggera.

Diversi esami, ecocardiografia, ecodoppler cardiaco strutturale e funzionale, elettrocardiogramma, sono stati eseguiti all’inizio e alla fine di un periodo di studio di 90 giorni. I partecipanti hanno seguito il normale allenamento a regime sviluppato dai loro allenatori e personal trainer. L’allenamento di resistenza era suddiviso da uno a tre ore di sessioni in acqua o di pratica all’uso di attrezzature di canottaggio. Gli atleti di forza hanno preso parte ad allenamenti per sviluppare competenze mirate. Esercitazioni volte a migliorare la forza muscolare e la velocità di reazione, tenendo sempre sotto controllo il peso e la massa muscolare. In via confidenziale e in maniera del tutto riservata, i partecipanti sono stati interrogati sull’uso personale di steroidi o di uso di qualsiasi altra sostanza e sono stati esclusi dallo studio gli utilizzatori.

Al termine del periodo di 90 giorni di studio, in entrambi i gruppi si è notato un sensibile aumento delle dimensioni cardiache. Per atleti di resistenza, il sistema ventricolare, responsabile dell’eiezione di sangue nell’aorta e nei polmoni, è risultato ampliato. Al contrario, il muscolo cardiaco negli atleti di forza, va incontro ad un fenomeno che sembrava essere limitato al solo ventricolo sinistro. Pur rimanendo in dimensioni di normalità, si sono verificate significative differenze funzionali relative al periodo di rilassamento del muscolo cardiaco tra battiti, che aumenta in atleti di resistenza, è diminuisce in quelli di forza.

“Siamo stati molto sorpresi da entrambe le entità delle modifiche nel corso di un periodo relativamente breve e di quanto grande sono state le differenze tra i due gruppi di atleti,” afferma il Dr. Baggish. “Le differenze funzionali sollevano questioni circa il potenziale cambiamento morfofunionale a lungo termine, che dovrebbe essere seguito da studi costanti.”

Mentre questo studio prende in esame i giovani atleti con cuore sano, le informazioni che fornisce questo studio potrebbe andare a beneficio di pazienti affetti da patologie cardiache. “Il portare a casa messaggio è che, così come non tutte le malattie cardiache è uguale, non tutte le prescrizioni di esercizio sono uguali”, spiega Baggish.

Questo studio dovrebbe iniziare a far pensare a quali esercizi adattare ad ogni tipo di patologia cardiaca. E anche nei soggetti sani comunque studiare se la tipologia di esercizio è effettivamente consona alla propria struttura cardiaca.

[via Science Daily]

Articoli correlati

Rispondi