Vasi sanguigni guidano lo sviluppo dei nervi

I ricercatori del Johns Hopkins hanno studiato come poter utilizzare in laboratorio la proprietà dei vasi sanguigni di guidare lo sviluppo degli assoni dei neuroni.

Ciò ha permesso la scoperta di una famiglia di proteine in grado di far sviluppare i nervi e soprattutto in quale direzione, in accordo con quanto affermato da David Ginty (professore di Neuroscienze presso l’Hopkins e l’Howard Hughes Medical Institute). Il professor Ginty ha anche aggiunto: «La cosa molto interessante è stato osservare che i nervi usano nel corpo umano i vasi sanguigni come vere e proprie guide per dirigere il loro sviluppo».

Il team ha studiato nei topi un gruppo di approssimativamente 15 mila cellule nervose conosciuto col nome di ganglio cervicale superiore (SCG, superior cervical ganglia) da cui partono innervazioni verso varie strutture nella testa, inclusi gli occhi, la bocca e le ghiandole salivari.

I gangli cervicali superiori sono localizzati nella diramazione a Y della carotide nel collo. Nell’embrione, durante lo sviluppo, le proiezioni nervose crescono e si sviluppano lungo entrambi rami: i nervi che crescono lungo la parte di carotide interna arrivano agli occhi e alla bocca, mentre quelli che crescono nella parte esterna della carotide innervano le ghiandole salivari.

Osservando come le cellule nervose “scelgano” di crescere lungo l’arteria, è emerso che alcuni geni sono espressi nella carotide esterna e “spenti” nella carotide interna.
Procedendo con altri esperimenti in vivo e in vitro si è visto che a guidare il tessuto nervoso sarebbe proprio l’endotelina, proteina presente solo sulla superficie esterna dei vasi sanguigni.

Ora la ricerca è incentrata sul capire come poter usare questa scoperta per sviluppare in laboratorio dei tessuti nervosi, tali da poter essere trapiantati in pazienti con problemi motori legati a una cattiva trasmissione del segnale nervoso.

[foto wellcome]

Articoli correlati

Rispondi