Pacchetti di sigarette usati per sanare una ferita

Senza foto tangibili sarebbe impensabile credere alla storia di Rao Jiacang, un uomo che fino ad oggi ha vissuto grazie non tanto alle sigarette, ma alle scatole che comunemente le contengono.

Dopo aver subito un intervento chirurgico in sede cardiaca ben dieci anni fa, l’indigenza lo ha portato a non poter finire in tutti i suoi aspetti l’operazione: i medici asportarono parte di un polmone intaccato da un tumore e non intervennero per suturare la ferita, perché Jiacang non aveva disponibilità completa di soldi.

La cosa straordinaria è che, grazie a un ricambio costante dei pacchetti di sigarette (ovviamente avvolti in garze sterili), ad oggi l’uomo ha un foro sul petto che, permette di vedere addirittura il cuore in funzione. Tra l’altro questo è possibile perché il suo cuore è leggermente spostato a destra e non sta completamente in sede corretta (questo accade in un caso ogni 8000).

Le immagini sono effettivamente forti, ma senza queste probabilmente nessuno mai crederebbe ad una storia simile che dovrebbe farci comunque riflettere sulla nostra sanità italiana: avrà sì problemi e casi da denuncia penale, ma nel suo complesso salva sempre il paziente senza chiedere prima assicurazioni o carte di credito.

[via metro]

Articoli correlati

10 Risposte a “Pacchetti di sigarette usati per sanare una ferita”

  1. Marco scrive:

    Mio dio che schifo… comunque è proprio vero.

  2. kiki scrive:

    perdonatemi,ma per quanto queste garze fossero sterili,com’è possibile che nn abbia mai preso un’infezione in tt qst anni?cioè,nelle manovre varie nn credo che le buone norme di igiene fossero rispettate tutte…oltre al fatto che cmq c’è una parte di organi in bella vista,i microbi nn credo si facciano spaventare da una garzetta e due scatoline per le sigarette!

  3. scrive:

    non ho capito…cos’è che faceva con sti pacchetti di cike?!?!
    ..-futura infermiera-

  4. Rob scrive:

    sopravvive per 10 anni con un foro aperto sotto il petto usando pacchetti di sigarette a coprirlo, magari usa ogni tanto un po di aria compressa per asportare polvere e microbi, dai suvvia …. bufala

  5. Andrea scrive:

    La storia è inverosimile per un altro aspetto: possibile che in 10 anni costui non sia mai caduto male, non abbia mai urtato accidentalmente questi organi esposti, le garze non li abbiano mai graffiati o abrasi, non abbia mai compiuto un atto meno delicato del solito, non abbia mai sollevato un peso?

  6. Max scrive:

    ma che cavolo stai dicendo che può vedere il cuor ein funzione? la ferita è a sinistra. lo sai da che parte è il cuore?????

  7. Max scrive:

    intendevo a destra la ferita. con tutte le cazzate che scrivi mi fai andare in confusione

  8. deborah scrive:

    ……..che stronzata!!!!!!!!!!

  9. fra scrive:

    i soldi per l’operazione no, per le sigarette si….

  10. raywond scrive:

    wat kan sigerette maak

Rispondi