Cornea vecchia fa buon brodo

trapianto cornea

Il vecchio detto “Gallina vecchia fa buon brodo” sembra calzare a pennello con quanto scoperto dal National Eye Institute (NEI), secondo cui si dovrebbero utilizzare per i trapianti anche le cornea dei pazienti con età tra i 65 e i 75 anni.

Da uno studio condotto su pazienti di una certa età, è emerso che i tessuti prelevati da donatori sopra i 65 anni e successivamente trapiantati avrebbero le stesse probabilità di sopravvivenza e di successo rispetto a quelli provenienti da donatori giovani.

Attualmente la disponibilità di tessuti corneali per i trapianti è abbastanza sufficiente per coprire le richieste provenienti da pazienti, ma si stima che già nei prossimi anni il numero dei donatori dovrebbe diminuire e contemporaneamente la richiesta dovrebbe aumentare. In questo quadro sarebbe utili rivedere i protocolli per l’espianto degli organi introducendo una maggiore flessibilità sull’età.

[via nih | foto lebct]

Articoli correlati

Una risposta a “Cornea vecchia fa buon brodo”

  1. lilu scrive:

    dico che è un trapianto molto semplice ora!!

Rispondi