Impianti dentali ricoperti di osso sintetico

impianti dentali ricoperti di osso sinteticoAlcuni ricercatori avranno la possibilità di pubblicare sul prossimo numero dell’International Journal of Nanomanufacturing uno studio che parla di rivestimenti dentali.

Il titanio è il materiale più sfruttato in moltissimi impianti dentali, tuttavia la sua superficie è tipicamente inerte: questo lo rende sì biocompatibile e favorito per evitare reazioni avverse del sistema immunitario, ma non è bioattivo e quindi non aiuta né l’integrazione del tessuto osseo né della proliferazione dei vasi sanguigni.

La dicotomia qui spiegata è stata affrontata e ha portato alla descrizione di un tessuto osseo sintetico, formato da idrossiapatite rinforzata con minuscoli frammenti di vetro. Il professor JD Santos del Biomedical Engineering Institute a Porto ha valutato su sette pazienti un totale di 27 impianti lunghi 10mm e larghi quasi 4mm la presenza di questo rivestimento; il collegamento dei primi 18 è stato effettuato alla mascella, mentre gli ultimi 9 a livello mandibolare.

Una valutazione ai raggi X fatta dal team sia a tre che a sei mesi ha dimostrato un effettivo aumento della bioattività dell’impianto, tuttavia in un solo caso è stata richiesta una rimozione forzata. I ricercatori si dicono completamente soddisfatti perché comunque era dovuto ad un cattivo posizionamento, non ad una interazione del materiale.

[via nanowerk | foto dogfightink]

Articoli correlati

2 Risposte a “Impianti dentali ricoperti di osso sintetico”

  1. lucca scrive:

    quali sono i migliori impianti dentali in titanio ?

  2. ennea scrive:

    quanto può venire a costare un impianto dentale fisso in titanio.

Rispondi