Test per il carcinoma prostatico

test cancro carcinoma prostata

In uno studio portato avanti dai ricercatori dell’Università del Michigan, sono stati pubblicati alcuni risultati nuove intuizioni riguardo ai meccanismi che sono generalmente responsabili per il controllo del glucosio nei livelli ematici, e per la degenerazione che può portare a diabete di tipo 2.

Uno dei geni di recente scoperta, che va sotto il nome di JAZF1, contiene una variante che è stata recentemente dimostrata svolgere un ruolo nel carcinoma della prostata, ed è il secondo gene che sembra avere un ruolo sia nel diabete mellito che nel carcinoma prostatico. Il primo identificato si sovrappone tra i geni per il cancro della prostata e diabete di tipo 2 ed è stato battezzato come HNF1B, che è anche coinvolto in una forma ad insorgenza precoce di diabete chiamato “Maturity Diabete Onset of the Young” (MODY). In HNF1B, la stessa variante che è associata ad un aumentato di rischio di diabete è associata anche all’aumento di rischio di carcinoma della prostata. In JAZF1, il diabete e il cancro della prostata sono varianti allocate in diverse parti del gene e non era noto alcun rapporto tra di loro.

Gli studi genetici di questo tipo hanno rivelato nuovi e inaspettati collegamenti tra le malattie. Questo è ora il secondo esempio di un gene, che riguarda sia il diabete di tipo 2 che il cancro alla prostata. Non si sa ancora quali siano le connessioni, ma questo ha importanti implicazioni per i futuri studi farmacologici.

Alcuni di questi geni per il diabete di tipo 2 potrebbero anche essere coinvolti in malattie diverse da quelle del cancro della prostata, di fatto esiste già una nota sovrapposizione con malattie cardiache in un’altra regione genomica.

Il Diabete di tipo 2 è caratterizzato da alti livelli di zucchero nel sangue, causata dall’incapacità del corpo di utilizzare l’insulina per spostare lo zucchero dal sangue alle cellule deputate per la produzione di energia. Il diabete di tipo 2 colpisce ormai 1 persona su 3 nei paesi sviluppati ed è comunque una malattia in ascesa negli ultimi 30 anni. Il diabete è una delle principali cause di malattie cardiache e ictus, così come la causa più comune di cecità, insufficienza renale e amputazioni negli adulti.

Questi recenti progressi, utili per identificare le regioni del genoma che aumentano il rischio di diabete, aiuteranno a districare la complessa base in cui il diabete si instaura e può suggerire nuovi e più adeguati metodi per prevenire o trattare questa patologia.

Questa scoperta permetterà lo sviluppo di un test, semplice come quello per la glicemia, che giornalmente viene utilizzato da milioni di pazienti diabetici, anche per individuare, nei pazienti di sesso maschile, la predisposizione e l’alterazione che può involvere nel carcinoma prostatico.

[via UMICH]

Articoli correlati

Rispondi