La neurochirurgia ai tempi dei Greci

archeologia neurochirurgia
[AP Photo/Greek Culture Ministry, HO]

Questo scheletro, reperito da un recente scavo nella città di Veria, circa 75 km a ovest di Tessalonica, fornisce la prova che gli antichi Greci eseguivano già sofisticati interventi di neurochirurgia.

I resti, datati al 3° secolo a.C., appartengono a una donna di età di circa 25 anni, che sembra essere morta a seguito di un craniotomia fallita che è stata eseguita per il trattamento di un grave trauma cranico frontale. Tanto per intenderci è una metodologia che oggi viene eseguita , creando una breccia ossea temporanea, per poter diminuire la notevole pressione intracranica a seguito di un grave trauma cranico diretto.

Il grande buco sopra gli occhi, è proprio un taglio chirurgico, il che suggerisce che il cranio è stato perforato con strumenti specializzati e non con un semplice e forte colpo di pietra.

[via wtopnews | foto Greek Culture Ministry]

Articoli correlati

Una risposta a “La neurochirurgia ai tempi dei Greci”

  1. Antica ma tecnologica Grecia... - Pagina 5 - CoseNascoste Forum scrive:

    […] un foro, da cui si presume, l’utilizzo di strumenti chirurgici sofisticati, gi 2300 anni fa: La neurochirurgia ai tempi dei Greci […]

Rispondi