Doppio effetto placebo

pillole placebo

Il placebo, quello che in gergo medico viene definito “falso medicinale”, si è dimostrato funzionare meglio se accompagnato da un marchio famoso: da questo nasce il concetto definito doppio effetto placebo.

In uno studio sicuramente provocatorio eseguito su 82 pazienti, i ricercatori del MIT hanno dimostrato che l’imitazione di una pillola venduta a 2,50$ produce nei pazienti un effetto benefico maggiore rispetto a una spacciata per costare appena 10 centesimi di dollaro.

Lo studio, per quanto superficiale possa sembrare, ha in realtà portato alla luce il motivo per cui molti pazienti preferiscano acquistare il farmaco originale piuttosto che l’equivalente (o generico) benché contenga gli stessi principi attivi.
È come se il corpo guarisse da solo o comunque si predisponesse in maniera favorevole al farmaco.

Nello studio gli scienziati hanno consegnato ai volontari delle brochure nelle quali venivano efficacemente descritte le proprietà del finto farmaco antidolorifico e poi in modo random hanno dato la medesima pastiglia dichiarandone il diverso prezzo ai due gruppi.
In seguito, i volontari sono stati sottoposti a scosse elettriche di valore crescente per misurare la massima tolleranza.

Il risultato è stato a dir poco sbalorditivo: l’85% di quelli che hanno assunto il farmaco al prezzo più alto hanno avvertito una riduzione del dolore, mentre solo il 61% dei pazienti che hanno assunto la pastiglia da 10 cents ha conseguito medesimi risultati. Dati molto interessanti, soprattutto se si considera il fatto che entrambe le pillole non contenevano nessun principio attivo…

[via wsj | foto wikipedia]

Articoli correlati

2 Risposte a “Doppio effetto placebo”

  1. anna scrive:

    ma quindi non ci si potrebbe curare almeno alcuni mali con l’effetto placebo??

  2. Amedeo scrive:

    E’ interessante ed è anche utile ricordare l’effetto “nocebo” che una sostanza inerte può sviluppare. Vale a dire un effetto indesiderato e nocivo.
    Questo rende il placebo eticamente non corretto per l’uso clinico quotidiano anche se nessun medico riesce ogni giorno ad evitarne la somministrazione anche in un ambito clinico legato alla patologia acuta.
    E infine il miglior placebo (e nocebo) rimane sempre il Medico !

Rispondi