Tornare a sentire con le staminali

topo orecchio scaffoldRiattivare le cellule staminali già presenti, ma addormentate, dell’orecchio interno attraverso altre cellule della stessa famiglia portate dall’esterno grazie a nanomolecole. Non è fantascienza ma il frutto di
Alcune sperimentazioni già in atto in Italia hanno mostrato come sia possibile, almeno nel modello animale, risvegliare le cellule staminali “addormentate” presenti nell’orecchio grazie all’intervento di altre cellule dello stesso ceppo.

Studi dell’équipe di Pisa e di Ferrara dimostrano che cellule staminali iniettate per via endovenosa, arrivano fino all’orecchio, interagiscono con le cellule presenti, si integrano e sopravvivono. Le nanomolecole con le cellule staminali possono essere introdotte nell’orecchio interno, per stimolare le cellule staminali silenti, ma anche per rigenerare i neuroni, per mezzo dei nuovi impianti cocleari.

I disturbi dell’udito sono molto più diffusi di quanto si creda. Ne soffre circa il 12% della popolazione. In Italia, si calcola che vi siano circa 7 milioni di persone con problemi di udito, soprattutto tra gli anziani. Dalle ricerche effettuate fino a oggi emergono diversi fattori che concorrono alla perdita parziale o totale dell’udito a cominciare dall’invecchiamento, visto che circa il 30% della popolazione over 65 soffre di questo problema. Un ruolo importante ha l’ereditarietà, responsabile in un terzo dei casi presenti alla nascita a cui si aggiungono il rumore, primo motivo di invalidità professionale, le infezioni (scarlattina, rosolia, otiti), farmaci, alcol e fumo, che hanno un effetto ototossico.

[via venetonanotech]

Articoli correlati

10 Risposte a “Tornare a sentire con le staminali”

  1. Elena scrive:

    Sono finita su questo blog cercando informazioni sulle staminali. Ho problemi uditivi seri derivanti da una malattia degenerativa. Mi hanno proposto un impianto cocleare. Diversamente devo sperare nelle staminali. Cosa sai di preciso? A chi posso rivolgermi?
    Puoi anche scrivermi sulla mail.

    Grazie
    Elena

  2. Roberta scrive:

    Ciao sono una ragazza di 17 anni, ho una sordita’ con una grave ipocusia biladerale neurosensoriale. Con una perdita’ del 90% ho le protesi auricolari,parlo bene italiano senza gesti perchè ho fatto la scuola di logopedia.comunque volevo chiedervi una cosa molto importante ho letto questo intervento “TORNARE A SENTIRE CONE LE STIMANALI” , NON HO PAROLE!!!quando farà questo operazione???aspettero’ la vostra risposta
    grazie
    Roberta

  3. giuseppe scrive:

    sfogliando internet sono finito in questo blog.
    mi domando se e’ una possibilità reale questa delle cellule staminali.
    mi figlio quindicianni soffe di una sordità improvvisa ipoacusai bilaterare con una perdita del 100% a sinistra e dell’80% a destra.
    qualcuno sa dirmi qualcosa di più concreto’
    grazie
    giuseppe

  4. erika scrive:

    mamma mia che bello, so di questa cosa da un paio di anni, ma quando in realtà si potrà mettere in pratica? fra quanto tempo?
    per piacere qualcuno rispondaaaaaaaaa 🙂
    anche sulla mail…grazie…

  5. nucci scrive:

    Sordità neurosensoriale bilaterale medio grave, dall’età cinque anni. Chiedo info in merito impianto coleare o meglio sviluppi su studi staminali anche all’estero. grazie

  6. chiara scrive:

    ciao sono una mamma di un bambino sordo intenso nel 2005 ha subito l impianto cocleare all orecchio sx volevo sapere quando sara possibile avere delle informazioni sulle cellule staminali anche all estero.grazie

  7. Viola scrive:

    Ciao sono una signora di 54 anni .con una sordita ‘neurosensoriale grave ,causa una menengite venti anni fa. Volevo sapere qualcosa sulle staminali in Italia o all’estero,magari fosse vero ora porto la protesi acustica ma mi giova poco ..Grazie

  8. Giuseppe scrive:

    anch’io mi chiamo Giuseppe ho 41 anni e convivo da più di 20 anni con questo problema di sordità .avrei bisogno di saperne di più sulle staminali qualcuno mi può aiutare grazie un saluto a tutti

  9. Giovanna scrive:

    Buonasera
    sono la mamma di una ragazza di 15 anni affetta da sordità improvvisa monolaterale e anche io sono molto interessata a sapere qualcosa in più sulle possibilità di recupero offerte dalla cellule staminali, ovunque esse siano praticabile
    confido nella vostra gentile risposta
    grazie e buon lavoro

  10. RONGHAI scrive:

    salve sono un ragazzo di 23 anni ho 4 mesi fa o avuto un calo di udito improvviso .. ho recuperato parzialmente ma ce ancora tanta differenza tra un orecchio e l’altro ..vorrei saperne di piu sulle cellule staminali e se o quando sara possibile accederne ..grazie confido in una risposta

Rispondi