Modelli 3D da immagini radiografiche

radiografie tridimensionali 3d

Un nuovo software sviluppato da Erik Vidholm presso Uppsala University in Svezia permetterà ai medici di analizzare immagini radiografiche come modelli tridimensionali, incrementando notevolmente le informazioni ottenibili rispetto a un normale esame diagnostico.

Grazie a modelli 3D come questi i medici hanno la possibilità di “toccare con mano” gli organi e tessuti sospetti, come il cancro, studiandone le dimensioni e la relativa progressione del tempo.
Nella foto i ricercatori hanno testato questo software su un fegato di topo riuscendo a ricostruire un modello tridimensionale corretto ed eventualmente pianificare un bombardamento con raggi gamma per uccidere le cellule tumorali.

Il software, inoltre, funziona anche con immagini a bassa qualità però è necessario l’intervento del medico per definire, ove fosse necessario, i contorni delle aree di interesse e permettere una buona ricostruzione tridimensionale.

[via medgadget | maggiori informazioni]

Articoli correlati

Rispondi