Mini endoscopio a singola fibra ottica

Mini endoscopio a singola fibra ottica

Sfruttando probabilmente la recente scoperta -tutta italiana- della nanosonda a singola fibra ottica i ricercatori della University of Washington, guidati dal professor Eric Seibel, hanno realizzato un mini endoscopio.

L’endoscopio utilizza un sensore standard per catturare le immagini, ma a differenza dei modelli più ingombranti sfrutta per l’illuminazione una singola fibra ottica e sei fibre ottiche per trasmettere la luce, il tutto incapsulato in un oggetto dalle dimensioni di una pillola. Inoltre, integra al suo interno sensori di posizione per visualizzare a monitor l’orientazione della camera in ogni istante e capire il sito da cui provengono le immagini.
La “testa” dell’endoscopio è larga meno di 9mm e il cavo di collegamento con tutto l’isolante ha un diametro di 1,4mm per garantire il massimo confort durante l’esame.

mini endoscopio pillola

Il paziente-volontario che ha per primo testato il dispositivo ha dichiarato che la sensazione provata è esattamente quella che si ha quando si ingoia una qualsiasi pillola. Quello che si evince quindi è che questa sonda miniaturizzata elimina i disturbi e i disagi che provano i pazienti sottoposti all’esame endoscopico.

Secondo gli scienziati le fibre del mini endoscopio sono in grado di trasmettere 5000 punti per secondo dando al medico la possibilità di visionare 15 frame al secondo. La risoluzione non è certo da meno: 100 micrometri e più di 500 linee per pollice.
A dire il vero molti endoscopi convenzionali sono capaci di produrre immagini con una risoluzione maggiore, ma questo dispositivo è stato pensato principalmente per abbattere i costi ospedalieri (non occorrono anestesia e tranquillanti) e soprattutto il paziente prova disagi minimi.
Addirittura questo endoscopio darebbe meno problemi della SmartPill con costi decisamente inferiori, parametro indispensabile per far sì che questo esame diagnostico sia prescritto a più persone per accertare la presenza di eventuali patologie come ulcere e cancro.

[via medgadget | maggiori informazioni]

Articoli correlati

Rispondi