Ridurre la caffeina può aiutare a controllare il diabete

tazzina di caffeAlcuni ricercatori della Duke University Medical Center hanno appurato una interessante relazione che legherebbe il caffè, famosa bevanda classica nella dieta mediterranea, e il diabete di tipo 2.

La ricerca si è focalizzata su un piccolo gruppo di persone diabetiche simili perché regolari bevitori di almeno due tazze di caffè al giorno e sottoposti a regime ipocalorico, esercizio e farmaci per via orale (non insulina).
I partecipanti hanno ingerito capsule contenenti caffeina, pari a circa quattro tazze per giorno, intervallando nei giorni in modo regolare con dei placebo.

Grazie ad un monitoraggio di glucosio continuo (tramite un apparecchio posto sottopelle in zona addominale) i ricercatori hanno scoperto che i loro livelli di zucchero in media sono saliti dell’8%; dopo la colazione l’aumento è del 9%, dopo il pranzo del 15% e dopo la cena del 26%. Il Dr. James Lane crede che questo apra la strada ad una teoria particolare: la caffeina potrebbe gestire i livelli di glucosio, o meglio, interferire con il processo che sposta questo zucchero dal sangue al muscolo.

Siamo ancora in uno stadio embrionale della ricerca, tuttavia un consiglio che può emergere da questi dati è di considerare il caffè come una potente droga (ha la caffeina) e come tale dev’esser trattata: ridurre i quantitativi assunti potrebbe ridurre gli effetti collaterali.

[via foxnews]

Articoli correlati

Una risposta a “Ridurre la caffeina può aiutare a controllare il diabete”

  1. L’inquinamento cittadino è legato al Diabete - BioBlog scrive:

    […] alcuni ricercatori scoprono che il caffè può aumentare i livelli di diabete di tipo 2, un altro studio della rinomata Università di Cambridge lega invece proprio questo endemico […]

Rispondi