Il trapianto di fegato le modifica il gruppo sanguigno

fegatoIl caso di Demi-Lee Brennan è stato definito un vero e proprio miracolo dal punto di vista scientifico: dopo un trapianto di fegato il suo gruppo sanguigno è cambiato.

È la prima volta al mondo che viene registrato un fatto così eccezionale e il tutto è accaduto sotto gli occhi increduli dei chirurghi che hanno effettuato alla giovane Demi-Lee di 15 anni un trapianto di fegato.
Secondo quanto riportato il sitema immunitario e il gruppo sanguigno sono diventati dopo l’intervento gli stessi del donatore dell’organo, evitando così l’assunzione dei farmaci anti-rigetto
a vita.

L’evento è stato documentato sul New England Journal of Medicine lasciando perplessa la comunità scientifica che ancora non si spiega l’accaduto.
Ovviamente il caso di Demi-Lee Brennan sarà materia di studio per molti medici e scienziati per verificare se quanto accaduto nel suo organismo possa in qualche modo essere indotto artificialmente in tutte le altre persone che ricevono in donazione un organo.

La dottoressa Julie Curtin che materialmente ha eseguito i test ematici ha affermato: «Dopo aver visto i risultati mi sono convinta di aver fatto un errore, così ho ripetuto l’esame, ma il risultato non è cambiato. Così ho verificato il gruppo sanguigno dei genitori ed entrambe hanno O-negativo il che implica che anche la figlia lo sia».

I medici dopo qualche settimana di incredulità mista a scetticismo hanno sospeso -con successo- la terapia anti-rigetto, constatando che le cellule del donatore provenienti dal fegato trapiantato sopravvivevano meglio di quelle di Demi-Lee.

Insomma, una speranza concreta per tutti le persone che hanno ricevuto un trapianto d’organo e che devono quotidianamente sottostare alla terapia immunosopressiva.

[via smh]

Articoli correlati

Rispondi