Scontrino parlante

scontrino parlanteNon è un personaggio della favola di Pinocchio, ma come pubblicato su soldiblog.it una novità del nuovo anno quella dello scontrino parlante e altro non è che una nuova modalità di documentazione delle spese sanitarie in cui compare l’indicazione dei dati fiscali dell’acquirente e il nome del prodotto.

Con il 2008 per gli acquisti in farmacia si dovrà pertanto portare con sé il codice fiscale o alternativamente la tessera ai fini della detrazione e deduzione fiscale.
A una sola settimana dall’attivazione della nuova procedura di documentazione fiscale, Federfarma ne rileva il successo con un cliente su due che si presenta in farmacia con la propria tessera sanitaria, in modo da consentire al farmacista di emettere rapidamente lo scontrino completo di tutti i dati necessari ai fini fiscali.

L’obiettivo principale della norma è quello di imputare senza margini di dubbio l’acquisto, e cioè l’utilizzo, di un medicinale a chi intende detrarlo nella dichiarazione dei redditi. Tra i problemi in vista con le nuove norme l’acquisto cumulativo per parenti e amici, che uno scontrino pur intelligente e magari anche “parlante” non può risolvere.
La ripartizione delle spese plurime dovrà essere risolta ricorrendo alle prescrizioni del medico che, secondo i più, riemergeranno puntualmente nelle istruzioni per Unico e 730.

Articoli correlati

2 Risposte a “Scontrino parlante”

  1. paolo scrive:

    bene a sapersi!

  2. MedMax scrive:

    La cosa importante è di ricordarsi di richiedere lo scontrino prima di pagare, altrimenti ti dicono che lo hanno già battuto… Loro non me lo hanno mai ricordato!

Rispondi